Utente 197XXX
Egr. dottore sono un ragazzo di 24 anni, gioco a calcio a livello dilettantistico e sono impegnato 4 giorni su sette in allenamenti e gare. Sono un'appassionato della perfetta forma fisica ma odio l'uso d'integratori, pertanto porgo a voi ora alcune mie riflessioni:

- Cosa è possibile mangiare e a che distanza di tempo da un allenamento (forza o potenza aerobica ed anaerobica) al fine di garantire un ottima resa in questi e quindi un buon svolgersi dell'attività senza cadere in alcuna forma di catabolismo muscolare? In pratica l'analogia all'assunzione dei b.c.a.a. pre-allenamento.

- Cosa assumere e in che dosi e a che distanza di tempo, dopo un'allenamento (forza o potenza aerobica ed anaerobica) al fine di ristabilire le riserve energetiche ed ottimizzare al meglio il recupero, nutrendo quindi al meglio la massa muscolare? Anche in questo caso l'analogia ai b.c.a.a. e alla glutammina.

L'intento è quello di allenarmi in modo costruttivo ed ottimizzare nello stesso tempo al meglio gli allenamenti nutrendo in modo efficace la massa magra prima e dopo senza incorrere nel timore di alcuna disgregazione di massa magra in seguito ad allenamenti intensi.

Ringraziandovi per l'attenzione posta, porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
230042

Cancellato nel 2016
CARO, ROGAZZO DI 24 ANNI ,
UNA CORRETTA ED EQUILIBRATA ALIMENTAZIONE PUO' ESSERE IDONEA PER QUALSIASI INDIVIDUO SANO ; QUANDO PERO' SI FA SPORT AGONISTICO , BISOGNA AUMENTARE IL FABBISOGNO CALORICO GIORNALIERA PREVILEGIANDO GLUCIDI E PROTEINE PER L'ATTIVITA' SPORTIVA .
DFURANTE IL RECUPERO BISOGNA FORNIRE ACQUA , SALI MINERALI E AMIDI .
CI SONO PREPARAZIONI AD HOC IN FARMACIA , SE UNO VUOL FAR DA SE' NON POTRA' MAI FARE BENE SE NON E' NUTRIZIONISTA E/O MEDICO DELLO SPORT ,
DISTINTI SALUTI ,
DR. MUCCI ROBERTO MEDICO DELLO SPORT
www.robertomucci.it tel. 348 2723336

[#2] dopo  
Utente 197XXX

Gentile dr. Mucci vede, io non voglio fare da me, altrimenti non avrei chiesto un consulto a voi esperti. Ciò premesso, la mia riflessione era mirata ad un'assunzione di alimenti naturali e non ad integratori, so benissimo che esistono integratori specifici per il recupero ma non intento assumerli, sempre, e quindi proprio per questo motivo chiedevo l'alternativa al naturale, semmai ci fosse. Comunque la ringrazio ugualmente per l'attenzione posta. Distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Per rispondere al suo quesito non si può prescindere da una accurata visita clinica e strumentale: alimentazione e allenamento sono specifici per ogni atleta ... Quando effettua la visita con lo specialista in medicina dello sport per l'idoneità annuale dovrebbe chiedere a lui indicazioni e chiarimenti.
Qui può trovare diversi articoli sull'argomento, da utilizzare però come fonte di informazione di tipo generale:
http://www.sportmedicina.com/alimentazione_fisiologia.htm
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#4] dopo  
230042

Cancellato nel 2016
Rispondo al Ragazzo che vuole nutrirsi in maniera Naturale ,
Quale sicurezza hai di alimentarti in maniera naturale se non puoi controllare la filiera di produzione alimentare , e concettualmente sono d'accordo , ma dubito che possa migliorare prestazioni ed allenamento se non è strettamente seguito da un medico dello Sport e Nutrizionista .
Il proposito di nutrirsi in maniera naturale è un buon proposito , ma se non fosse possibile gli "Integratori da Banco" non sono da demonizzare perchè pur essendo derivati di sintesi sono sempre aminoacidi, glucidi, proteine e grassi , cioè i "mattoni" fondamentali di costruzione di tutti i nostri tessuti ed organi che hanno bisogno di ricambio quotidiano per la continua usura sportiva .
Distinti Saluti ,
www.robertomucci.it

[#5] dopo  
Dr. Massimo Spattini

12% attività
0% attualità
0% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 12
Iscritto dal 2011
A prescindere dall’importanza di un corretto pasto pre-allenamento da consumare almeno 3 ore prima, l’assunzione di integratori pre-workout come i BCAA, svolge il doppio ruolo di rallentare la comparsa della fatica tramite la competizione con il triptofano ed il ruolo pro energetico dei BCAA stessi, oltre che l’effetto di stimolo di sintesi delle proteine indotta prevalentemente dalla leucina. Premesso che non ritengo, in un individuo ben nutrito, importante più di tanto il ruolo pro energetico dei BCAA, dovendo scegliere un alimento e non un integratore che apporti un quantitativo sufficiente di questi aminoacidi, opterei per il parmigiano reggiano nel quale i processi di stagionatura portano ad una lisi enzimatica in grado di produrre già aminoacidi in forma libera. Dopo l’allenamento è fondamentale sia per il recupero che per mantenere a un buon livello le difese immunitarie e tamponare il cortisolo, l’assunzione di carboidrati . La concomitante assunzione di proteine accelera questo meccanismo di recupero ed inoltre stimola la sintesi proteica, cosa che i carboidrati non fanno. In questo caso carboidrati ad alto indice glicemico possono essere particolarmente indicati come riso, uva, banane e , come fonte proteica, opterei per il prosciutto sgrassato anch’esso particolarmente ricco di aminoacidi essenziali (20% della componente proteica), rapidamente digeribili ed assimilabili.
Dr. Massimo Spattini
Medico Chirurgo
Specialista in Scienza dellAlimentazione Specialista in Medicina dello Sport