Utente 280XXX
Salve, sono un ragazzo di 18 anni e gioco a calcio a livello dilettantistico. Circa 40 giorni fa mi sono svegliato, il giorno dopo aver giocato una partita nella quale non avevo avuto alcun tipo di trauma, con un dolore che mi impediva quasi di camminare e comprendeva la coscia sinistra e il pube. Inizialmente ero preoccupato ma dopo circa mezzora il dolore è passato e ho continuato l'attività sportiva per una settimana, però ogni volta la sera, dopo l'allenamento provavo fastidio nella zona inguinale sinistra. La domenica quindi ho giocato e non ho provato dolore ma alla sera e la mattina dopo il fastidio all'inguine era diventato dolore. A questo punto ho deciso di recarmi dal mio medico di base, che è anche medico sportivo per una squadra di calcio professionistica, il quale mi ha rassicurato che non era pubalgia e che secondo lui era solo un fastidio dovuto al fatto di avere la gamba sinistra più lunga di quella destra di alcuni millimetri e che potevo tranquillamente giocare con un buon riscaldamento. Ho quindi continuato l'attività sportiva ma due giorni dopo, in allenamento, in un cambio di direzione ho allungato l'adduttore e sono rimasto bloccato dal dolore. A questo punto sono stato visitato dal medico della mia società il quale mi ha diagnosticato una pubalgia lieve, e mi ha consigliato di stare a riposo fare solo una tabella di stretching data da lui. Io adesso sono fermo da tre settimane e ho provato a fare una corsa leggera di circa un km, sempre su consiglio del medico per capire come era la situazione, e provo un leggero fastidio solo dopo lo sforzo fisico. Ho intanto sentito un altro parere medico il quale mi ha fatto notare che circa una settimana prima del tutto avevo avuto vesciche ai piedi e per questo correvo in modo maldestro appoggiando in modo sbagliato il piede e che ciò avrebbe potuto causare una pubalgia.
Vorrei gentilmente sapere quanto pensate potrebbe durare ciò, se pensate che sia pubalgia, e se avete qualche consiglio per la cura. Ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ricevendo risposte in questa area provi a ripostare ANCHE in area ORTOPEDIA
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 280XXX

Ho provato, ma ci sono troppe domande in accettazione in area ortopedia, adesso penso che, visto che la domanda risulta avere risposta, nessun medico sportivo risponderà.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è detto.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com