Utente 376XXX
Da alcuni mesi ho un dolore nella zona inguinale destra, si è presentato la prima volta dopo un periodo di esercizi mirati su addominali e gambe. Nella prima fase il dolore era molto forte poi man mano e' diminuito presentandosi sotto sforzo e andando e venendo. Recentemente ho fatto delle radiografie al bacino e all'inguine per verificare eventuali problemi ossei ma l'esito è stato negativo, successivamente sono andata dal fisiatra che mi ha detto che poteva essere pubalgia e mi ha prescritto l'ecografia per verificare l'eventuale presenza di calcificazioni. Mi aveva detto inoltre che nel caso delle calcificazioni mi sarei dovuta sottoporre ad una terapia ad onde d'urto... Il referto dell'ecografia e' questo:
Irregolarità marginale della regione pubica, peraltro con rilievo simmetrico da ambo i lati, con modesto ispessimento ipoecogeno della regione inserzionale degli adduttori di destra in buon accordo con il sospetto clinico di tendinopatia inserzionale.
Non altre alterazioni muscolo tendinee regionali.
Si segnalano taluni linfonodi reattivi inguinali, bilaterali.

In relazione a questo referto, dove non si parla di calcificazioni, devo comunque fare le onde d'urto o si può risolvere il problema attraverso la fisioterapia? Sarà lunga la guarigione? Penso di aver sottovalutato il problema per troppo tempo!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se non ricevesse risposte in questa area Le consiglierei di ripostare anche in area ORTOPEDIA.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com