Utente 387XXX
Buon giorno,

sono un runner di 49 anni, ho sospeso l'attività sportiva lo scorso giugno per un problema che è iniziato dalla fascia plantare dx e gradualmente si è esteso a tutta la gamba.
La radiografia al bacino ha diagnosticato note di coxartrosi a dx
La risonanza magnetica protusione L4L5.
L'ortopedico, piede cavo.
Sia il fisiatra che l'ortopedico hanno detto che i movimenti della gamba non sono limitati dalla coxartrosi.
Il fisiatra mi ha prescritto il bite e il dolore si è esteso alla gamba sx, l'ortopedico mi ha prescritto il mezieres e sono quasi guarito.
Adesso ho ripreso un'attività blanda di circa 1/2 ora e ho dei fastidi mentre corro sotto i glutei e dietro le gambe fino al retro-ginocchio.
Il giorno successivo fastidi ai due inguini e la muscolatura interna al bacino poi gradualmente avverto, da seduto, negli stessi posti, un segno di freschezza e il fastidio scompare quasi del tutto.
Posso considerare questi ultimi segni come fine della pubalgia o devo aspettare ancora ?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ricevendo risposte in questa area Le consiglierei di ripostare anche in area ORTOPEDIA.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com