Utente 938XXX
salve, ho 18 anni e pratico calcio a livello dilettantistico. Ho il piede cavo e di conseguenza , molto piu predisposto a distorsioni. nonostante la mia giovane età ho avuto parecchie distorsioni e non molto tempo fa una tendinite del tibiale anteriore. Dato ciò da alcuni anni ho iniziato a utilizzare sempre le cavigliere durante gli allenamenti e le partite e vorrei sapere se questi accorgimenti sono dannosi? ho letto che col tempo può portare a debilitazione muscolare è vero? in attesa di una vostra risposta vi saluto cordialmente

[#1]  
Dr. Sergio Audino

24% attività
0% attualità
4% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Lei scrive: "ho il piede cavo ...da alcuni anni ho iniziato a utilizzare sempre le cavigliere durante gli allenamenti e le partite ......"
Il "cavismo" degli arti inferiori , può essere secondario ad altri fattori causali,che varrebbe la pena indagare ancor prima di arrendersi e/o di trattere esclusivamente gli effetti (piede cavo).
Si affidi ad uno Specialista(Fisiatra, Ortopedico, Posturologo,Medico dello Sport) ,perchè sia Lui ad assumere le decisioni diagnostico-terapeutiche del caso.
Infine un'altro Specialista che vorrei consigliarLe , -nel caso in cui dopo queste Consulenze preliminari non venisse identificata con chiarezza una causa etiopatogenetica -, è lo Gnatologo Clinico.Infatti esistono alcune forme di Disfunzione Cranio-Cervico-Mandibolare con caratteristica discendente , che se datanti da tempo ed in particolar modo in soggetti giovani ,possono causare dei condizionamenti muscolotensivi a tutto il dispositivo posturale (o solo in parte), fino a poter coinvolgere anche l'assetto della colonna vertebrale nelle sue varie porzioni , quello del bacino,fino a quello degli arti inferiori e dell'appoggio plantare dei piedi.
In questi casi un riequilibrio effettuato con una Terapia Gnatologica a livello cranio-mandibolare , è in condizione di generare una riprogrammazione neuromuscolare , tale da ridurre o da fare scomparire gli effetti muscolotensivi discendenti ed attivi sul dispositivo posturale.
In questi casi è comunque fondamentale sia la sinergia che il coordinamento dell'opera professionale e terapeutica dei vari Clinici.
Mi tenga informato degli esiti dei Suoi Consulti e/o delle Sue Terapie. Auguri!
Dr. Sergio Audino, Medico Chirurgo , Specialista in Odontoiatria e Protesi Dentaria , Gnatologia Clinica , Presidente della S.I.D.-A.T.M