Utente 464XXX
Salve, sono una ragazza di 27 anni. Premetto di non aver mai sofferto di mal di schiena. Ho sempre prediletto una vita sportivamente attiva. Ho praticato tennis per 10 anni per poi dedicarmi alla palestra negli ultimi 5 anni. In queste settimane ho deciso, insieme al mio trainer, di combinare un’attività anaerobica (fatta prevalentemente di esercizi diretti all’ipertrofia muscolare) con un’attività aerobica. Sto cercando di rispettare da una settimana il piano che prevede di camminare 45/50 minuti al mattino, e sto notando dei forti dolori nella zona lombare che non ho mai lamentato prima (se non una volta per aver eseguito scorrettamente una sessione intera di stacchi a gambe tese). È possibile ricondurre questo dolore alla camminata veloce (su tapisroulan) che ho praticato in questi giorni, dal momento che è sopraggiunto poco dopo? Non so, magari a causa del modo di camminare, anche se naturalmente ho una postura abbastanza eretta, o a causa di scarpe poco adatte.
Ringrazio anticipatamente per l’attenzione.
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Gianpaolo Sardo

28% attività
12% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
GELA (CL)
MAZZARINO (CL)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
gentile utente, mi riesce oltremodo difficile comprendere come una camminata veloce di 40-50 minuti fatti da una persona sportivamente attiva, possa creare la sintomatologia descritta a meno che non ci siano dismetrie o alterazioni scheletrico-muscolari a supporto. Detto ciò veda di fare un controllo specialistico da un fisiatra che potrà eventualmente evidenziare problemi a carico della colonna, dell'appoggio plantare e della dinamica del passo.
Eventualmente analizzi qualcosa di più strettamente tecnico dato dalle caratteristiche delle scarpe e/o del terreno dove si allena.
Comunque, se per caso ha notato un indurimento dei polpacci a fine allenamento, possibilmente con crampi muscolari, cominci con il reintegro serio dei liquidi e dei sali minerali ed usi talloniere di scarico modello Tuli's sotto 80 kg. (obiettivamente le migliori per lo sportivo attivo).
Cordiali saluti.
Dr. Gianpaolo Sardo
specialista in Medicina dello Sport - Catania
www.studiomedicostaff.it

[#2] dopo  
Utente 464XXX

Salve, il dolore è andato via via diminuendo dal giorno successivo fino a scomparire del tutto. Dopo qualche giorno sono tornata in palestra, ho ripreso con gli stacchi a gambe tese, e di nuovo lo stesso dolore. Penso sia attribuibile a questo tipo di esercizio eseguito male più che alla camminata. Ho deciso quindi di eseguire gli stacchi sempre con il supervisionamento del trainer, e sta andando meglio! Grazie per la risposta
Cordiali saluti