Utente 110XXX
Buongiorno, mi rivolgo a Voi per dei chiarimenti dato che da quando ho acquistato un cardiofrequenzimetro ho le idee un pò confuse.
Ho 37 anni, da circa 6 anni vado regolarmente in bici e corro a piedi (11Km in 1h) 2-3 volte la settimana. Mi sono sempre basato sulle sensazioni per dosare lo sforzo durante le uscite.
Da qualche mese ho acquistato un cardiofrequenzimetro e, leggendo le istruzioni allegate, sembrerebbe che stò mettendo a rischio il mio cuore.
Dopo un riscaldamento di circa 10 minuti con i battiti/minuto a 130/140, mi stabilizzo a circa 160 per il resto dell'uscita (circa 1 ora) con punte massime di 170/175. Le sensazioni sono buone e non mi sento eccessivamente affaticato.
Leggendo le istruzioni dello strumento, secondo i calcoli fatti in base alla mia età, queste pulsazioni sono troppo alte, non dovrei superare i 146, valore massimo prima di entrare nella situazione di allenamento anaerobico che sembrerebbe dannoso per l'organismo.
Gentilmente chiederei quindi un Vs. parere ed un consiglio se occorre che faccia qualche controllo o test specifico per valutare le mie reali condizioni.
Vi ringrazio e saluto cordialmente.

[#1]  
Dr. Stelio Alvino

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Effettivamente la sue prestazioni eccedono, secondo l'età, anche quelle di un esercizio fisico per "allenamento".
Effettuando regolare e intensa attività fisica faccia uan visita medica da un medico sportivo almeno una volta all'anno con un controllo cardiologico con test da sforzo.
Le "sensazioni" percepite non danno una visione dello stato effettivo perchè durante lo sforzo ormoni e simpaticomimetici immessi in circolo possono ridurre la sensazione di affaticamento.
Cordiali saluti
La consulenza è prestata a titolo puramente
gratuito secondo lo stile Medicitalia.it
Dott. Stelio ALVINO

[#2]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Le formule per il calcolo della frequenza cardiaca sono solo indicative e quasi sempre sottostimano i reali valori di FC massima: un quarantenne può tranquillamente raggiungere la FC massima di 200 battiti/minuto.
La possibilità di svolgere attività fisica continua per circa 60 minuti indica che l'impegno della stessa è prevalentemente aerobico.
Legga questo articolo per maggiori informazioni:
http://www.sportmedicina.com/il_cardiofrequenzimetro.htm
Le confermo l'importanza di un controllo medico-sportivo periodico con l'esecuzione di Test da Sforzo monitorizzati (cicloergometro massimale) in grado di valutare le sue reali condizioni fisiche: sulla base dei risultati della visita e dei test lo specialista in medicina dello sport potrà rispondere in modo molto più preciso ai suoi eventuali quesiti.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#3] dopo  
Utente 110XXX

Vi ringrazio per la rapidità e la chiarezza delle Vs. risposte, seguirò quanto prima i consigli da Voi suggeriti.
Buona giornata.