Utente 118XXX
Buon pomeriggio,
sono un ragazzo di 18 anni alto 1,90 per 95km nell'ottobre del 2007 in seguito a una caduta riportata in uno scontro di gioco, sento un fitta al ginocchio destro mi fermo subito e torno zoppicando a casa. Dopo 4 mesi ritornai in campo ma il ginocchio fece crack, e dopo altri innumerevoli crack decisi di effettuare una RMN sotto consiglio del medico di base il risultato:

"lesione del corpo-corno posteriore del menisco interno, condrosi focale della porzione posteriore sottocorticale interna del piatto tibiale mediale. lesione del corpo-corno anteriore del menisco esterno con flap meniscale rbaltato anteriormente e nella porzione anteiore della gola intercondiloidea.
condrosi focale del profilo posteriore del condilo femorale esterno. non agevole la valutazione del legamento crociato anteriore per la presenza in gola del flap meniscale precedentemente indicato, il lca appare diffusamente ridotto di calibro da esiti di lesione.
nella norma i legamenti crociati posteriore e collaterali. versamento endoarticolare. regolare il tendine rotuleo. segni di condropatia femoro rotulea."
Ora mi succede una cosa strana premetto che pratico ciclismo a livelli abbastanza alti l'estate faccio circa 5 uscite a settimana di 80-90 km circa l'una, in questo periodo che pratico ciclismo il ginocchio si sgonfia e mi ritorna una certa stabilità xò provando a giocare il ginocchio a fatto di nuovo crack. Vorrei sapere se l'operazione di androscopia come detto dal medico di base e indispensabile o se con qualche seduta di fisioterapia potenziamento eccc si potrà risolvere il problema, inoltre perchè il ginocchio diciamo "torna normale" dopo che pratico ciclismo per un po?

GRAZIE ANTICIPATAMENTE E CORDIALI SALUTI

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Vista la giovane età, prima di peggiorare i danni cartilaginei già presenti, le consiglio di rivolgersi immediatamente al chirurgo ortopedico per una valutazione corretta della situazione e per stabilire la via migliore da seguire (ma in 2 anni e dopo tutti i crack che descrive, il suo medico non le ha mai consigliato una visita specialistica ...?).
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com