Utente 752XXX
Buongiorno,
A dicembre ho avuto un incidente sciistico riportando un forte trauma al ginocchio.
La Risonanza effettuata ai primi di febbraio riportava il seguente esito:
"Non alterazioni per le componenti ossee; conservato lo spessore cartilagineo femoro-tibiale.
Il menisco mediale, a livello del corno posteriore è solcato da ampia banda di aumentato segnale la quale interessa la superficie tibiale ed è pertanto riferibile a rottura.
Il corno anteriore del menisco laterale mostra banda di alterato segnale ad andamento longitudinale ed orientamento orizzontale, ove interessa il muro meniscale in relazione a lesione di tipo traumatico.
Il legamento crociato anteriore è in sede, a segnale diffusamente disomogeneo, ispessito nel tratto medio prossimale come da esiti di lesione parziale a suo carico; normali il crociato posteriore, i legamenti collaterali.
Nella norma il tendine del muscolo quadricipite ed il tendine sottorotuleo.
Un po’ assottigliata e con irregolarità della sua superficie esterna la cartilagine articolare del condilo femorale mediale"
Il mio medico di parte, ha quantificato in 10 punti percentuali la mia invalidità riscontrando la rottura di entrambi i menischi e la rottura parziale del legamento LCA.
La compagnia assicurativa, agli inizi di aprile mi ha liquidato l'inabilità temporanea e i giorni di gesso riservandosi di liquidare il danno permanente dopo un paio di mesi e successivamente ad ulteriore risonanza e visita del loro medico.
Ieri ho ritirato l'esito della nuova risonanza. Premetto che rispetto quattro mesi fa il ginocchio mi duole parecchio, faccio fatica a fare le scale, cammino con un tutore e sopratutto ho difficoltà a guidare (e faccio un lavoro che mi porta a fare 150 km al giorno..).Avverto poi un continuo e fastidioso dolore.
Questo il nuovo esito della RMN:
"Il menisco mediale, a livello del corno posteriore, è solcato da linea di elevato segnale che affiora lungo la superficie tibiale dello stesso menisco e si esterne verso il muro meniscale, verosimilmente compatibile con fissurazione da rottura;coesistono microcisti parameniscali.
Il menisco laterale mostra banda di alterato segnale ad andamento longitudinale ed orientamento orizzontale, più evidente nei corni, in particolare in quello anteriore ove interessa il muro.
Il legamento crociato anteriore non risulta adeguatamente riconoscibile nella sua sede anatomica, circondato da ispessimento sinoviale, come per lesione pressoché completa in recente traumatismo; nella norma il legamento crociato posteriore, i legamenti collaterali, il tendine del quadricipite e del rotuleo."
Volevo capire se la situazione è peggiorata; mi sembra che ora il legamento risulti rotto.
Devo fare un ulteriore perizia di parte ? Il danno vale ancora 10 punti ?
Come mi devo comportare con la compagnia ? Non voglio prendere un avvocato per tutelarmi e volevo trovare un accordo bonario. Volevo sapere quale può essere un'offerta soddisfacente.
Grazie in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

dal confronto dei referti della prima RM con la seconda si evince che la lesione del LCA, data prima come parziale, sia divenuta poi completa.

Tuttavia, il peggioramento della lesione non implica necessariamente che sia peggiorata la menomazione, ovvero la conseguenza funzionale della lesione; va analizzato il grado di funzionalità del ginocchio.

Inoltre, la valutazione può cambiare se la polizza infortuni adotta la tabella ANIA piuttosto che la tabella INAIL DPR 1124/65 e se ci sono franchigie.

E questo può dirlo soltanto il suo medico-legale con una nuova visita diretta e con la visione della polizza.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it