Utente 229XXX
Gentili Dottori,
sono un ragazzo di 28 anni e mi piace molto praticare sport.Pero'due mesi e mezzo fa(il 31 novembre 2006)durante una partita di calcetto mi sono procurato una distorsione alla caviglia dx:dolore molto forte,impossibilita' di appoggiare il piede,ma versamento non eccessivo(dato che ho applicato subito ghiaccio).Al pronto soccorso le radiografie hanno escluso fratture e mi e' stato applicato un bendaggio.Per il primo mese la caviglia continuava a fare male(nonostante continuassi con ghiaccio e crema antinfiammatoria) e spesso bastava un sassetto o una buchetta per procurarmi delle vere e proprie fitte.Dopo 35/40 giorni la situazione ha iniziato a migliorare decisamente,al punto che oggi non avverto dolore nel camminare o comunque nei movimenti usuali della vita quotidiana.Sembrava che si stesse sistemando tutto,in realta' questa impressione era dovuta al fatto che per un mesetto,per motivi di studio,ho condotto una vita a dir poco sedentaria,senza mai mettere alla prova piu' di tanto l'articolazione.Infatti ora che vorrei riprendere a fare qualche cosa(calcetto,bicicletta...)mi accorgo che la caviglia non e' ancora a posto.Nel muoverla verso l'interno e l'esterno mi duole ancora,specie quando do'carico e oscillo la caviglia a destra e sinistra mantenendo la pianta del piede a terra(spero di essermi spiegato)Il dolore si manifesta nel punto esatto della distorsione,ossia intorno al malleolo).Inoltre accennando qualche corsetta non mi sento affatto sicuro specie nei cambi di direzione o correndo su erba.Infine ho come l'impressione che la caviglia sia un po' rigida:spesso sento"tirare" i tendini(o almeno credo si tratti di tendini) che dai malleoli,interno ed esterno,vanno fino alla pianta del piede e al tallone,inoltre"tira"anche il collo del piede.Posso immaginare quale sia stato l'errore da me commesso:non essermi sottoposto prima ad una visita specialistica e non aver svolto un'adeguata riabilitazione propriocettiva dell'articolazione.Premetto che sono in attesa di fare la suddetta visita;pero' nel frattempo vorrei chiedervi quale potrebbe essere il mio problema,alla luce delle informazioni fornite.Escluse le fratture,quali altre paologie possono derivare da una distorsione alla caviglia(che al pronto soccorso hanno classificato come "lieve"...ma che non mi sembra poi tale!)?Ho sentito parlare di lesioni legamentose o di capsule,potrebbe essere il mio problema? Insomma,concludendo, negli ordinari movimenti quotidiani non sono in difficolta' ma io voglio tornare "attivo" dal punto di vista sportivo,e due mesi e mezzo mi sembrano tantini per assorbire una distorsione. Sottoponendomi ora ad un ciclo di riabilitazione posso comunque recuperare in pieno la funzionalita' della caviglia,o il ritardo e' stato in qualche modo dannoso?Sicuro di ricevere qualche vostro utile consiglio,vi ringrazio anticipatamente e vi porgo distinti saluti.
Paolo

P.S.Ho provato la bici da corsa;non sembra darmi dolore(dato che fletto la caviglia solo longitudinalmente).Posso iniziare a fare qualche giro,oppure e' controproducente?

[#1]  
23679

Cancellato nel 2013
caro utente,
da ciò che lei racconta sembrerebbe tutt'altro che una semplice o lieve distorsine del collo piede.
se l'esame radiografico non ha messo in evidenza lesioni osteoarticolari, questo non significa che non abbia riportato lesioni del complesso legamentoso laterale maggiormente ( lesione del legamento peroneoastragalico anteriore, legamento peroneo calcaneare....ect)che spiegherebbero questo senso di instabiità e dolore alla digitopressione in corrispondenza del malleolo laterale. si faccia visitare da un colloga ed esegua sotto suo consiglio una risonanza magnetica


cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente 229XXX

Gentile Dott.Bollanti,La ringrazio molto per la Sua rapida ed esaustiva risposta.Spero proprio che non mi sia riscontrata alcuna lesione legamentosa(in tale caso come si dovrebbe procedere di norma?)nella visita a cui mi sottoporro'. Comunque Le ripeto che l'impressione e' quella di rigidita' della caviglia(non proprio "instabilita',dato che nei movimenti ordinari sostanzialmente non mi fa male).Un'altra cosa che ho notato e' come il dolore aumenti durante la giornata:alla sera,specie se ho camminato o sono stato comunque in piedi a lungo,mi duole anche solo ruotandola in scarico(ed infatti, e' soprattutto alla sera che, premendo col dito intorno al malleolo, mi fa male,mentre al mattino non piu' di tanto).
A questo punto pero'mi viene un po'di rabbia: perche' al pronto soccorso si limitano alla radiografia,tralasciando esami piu' accurati? in questo modo lasciano il paziente"al proprio destino",sperando che sia questi ad accorgersi di eventuali ulteriori problemi.Cio' comporta,come nel mio caso,l'illusione di una pronta guarigione,nonche' una notevole perdita di tempo,col rischio di peggiorare la situazione.Scusi lo sfogo ma tutte le volte che ho dovuto ricorrere alle visite del P.S. ho avuto problemi. Concludendo,La ringrazio ancora e Le chiedo:nonostante i 2 mesi e mezzo trascorsi, con una adeguata riabilitazione(anche in caso di lesioni legamentose non tali da richiedere interventi) potro' comunque recuperare in pieno la mia caviglia? La saluto e le auguro buon lavoro. Paolo

[#3] dopo  
Utente 229XXX

Gentile Dott. , come da lei consigliato,mi sono sottoposto ad una visita per capire qual e' veramente il problema alla caviglia.Il fisioterapista che mi ha visitato dice che il dolore localizzato(intorno al malleolo) che sento nel muovere la caviglia all'interno e all'esterno e' probabilmente dovuto al poco spazio che vi e' tra le due ossa(malleolo e...non ricordo..ma lei lo sapra' meglio di me!) che va così a comprimere la cartilagine che si frappone tra essi,causandomi il dolore.A suo giudizio la distorsione subita non e' altro che la conseguenza di una errata postura(carico soprattutto sull'esterno dei piedi)che avrei assunto dopo le 3 operazioni che ho subito anni fa' al ginocchio dell'altra gamba,la sx(2 artroscopie+ ricostruzione lca).Ora dovro' farmi visitare da un osteopata (si tratta di Sante Lugarini,fisio della nazionale di rugby...non so se lo conosce) che provera' a manipolarmi la caviglia per vedere se si riesce ad aumentare lo spazio intrarticolare tra le due ossa che mi causerebbe(forse) il dolore.A questo punto Le chiedo: e' possibile che una situazione del genere possa generarsi a seguito di una distorsione? io oramai avverto solo dolore in un punto preciso del piede e solo nel ruotare all'esterno o interno il piede stesso, come se mi pungessero in profondita'(soprattutto quando do' carico)e tutto sommato la caviglia mi sembra stabile;potrebbe essere effettivamente un problema di cartilagine collegato ad un problema di postura? Non si chiarirebbe del tutto la situazione con una RM o una ecografia,in modo da escludere del tutto lesioni legamentose? La ringrazio molto dell'attenzione e dell'eventuale risposta.Saluti Paolo

[#4] dopo  
Utente 229XXX

Gentili dottori.Sono finalmente ruscito a sottoporre ad adeguata valutazione la mia caviglia.Fortunatamente nella mia citta'operano i due fisioterapisti della nazionale di rugby e così ho deciso di rivolgermi a loro(nonostante cio' non sia proprio economico).In particolare mi sono sottoposto a mobilitazione manuale della caviglia,per vedere se in tal modo si riduceva il dolore che perseguita la mia articolazione(ossia dolore intorno al malleolo quando sposto il carico verso l'interno del piede..come se mi "infilzassero"in profondita').Effettivamente il dolore e' un po' diminuito lì per lì,salvo ritornare perentoriamente,e 10 volte superiore,gia' dopo mezzoretta! E' stato così deciso di iniziare una serie di sedute riabilitative per ripristinare la mia postura che si sarebbe alterata a seguito della distorsione.A questo punto vi chiedo:la procedura che sto seguendo e' corretta?non sarebbe stato meglio eseguire prima una rm? il dolore che sento in effetti mi da' proprio l'impressione di "qualcosa che non va'" all'interno dell'articolazione.Sperando in qualche vostro utile riscontro vi saluto. Paolo