Utente 163XXX
Sono un "vecchio" (36 anni) atleta di sport da combattimento (lottatore, kickboxer) e da quando ho smesso di allenarmi come un agonista e ho cominciato ad insegnare ho spesso problemi di sovraccarico alle articolazioni, specie polsi e ginocchia. In particolare da un paio d'anni ho questo problema: se scendo in posizione di squat, al massimo piegamento delle ginocchia, accuso dolore ai lati esterni, in corrispondenza dell'apofisi tibiale e talvolta nella zona del poplite. in particolare: 1) il dolore compare in fase di massima discesa e si accentua nel primo sforzo della risalita; 2) posso impedire la comparsa del dolore se eseguo il movimento in maniera molto controllata e contraendo bene i muscoli delle gambe; 3) il dolore compare in entrambe le gambe; 4) non ho dolori spontanei di nessun genere nè in nessun altro movimento; 5) se affatico le ginocchia durante l'allenamento (con sforzi sempre di tipo flessivo) accuso indolenzimento la sera che scompare con il riposo; 5) talvolta un senso di rigidità ai lati esterni compare spontaneamente anche durante la giornata; 6) il medico sportivo non ha riscontrato segni positivi in nessuna delle manovre diagnostiche ed ha parlato di sovraccarico funzionale dovuto a muscoli non più allenati adeguatamente e all'aumento del mio peso, nonchè a esiti di osgood-schlatter non curata in gioventù.
Ho fatto un pò di terapia (tecar e antinfiammatori locali) e soprattutto ho ripreso ad allenarmi per potenziare la muscolatura delle gambe ed elasticizzarla. L'allenamento ha migliorato la situazione ma il fenomeno persiste. Ho notato anche che se i muscoli della sura sono contratti un pò tutta l'area che connette l'apofisi tibiale con l'ultimo tratto dei muscoli femorali (specie sul lato esterno) ne risente.
Un altro amico medico (non specialista del settore) ha ipotizzato un qualche genere di problema artrosico. Qual è la sua opinione? che cosa mi consiglia di fare? grazie per l'attenzione

[#1]  
Dr.ssa Emy Brunello

32% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
SAN PIETRO IN CARIANO (VR)
SANTORSO (VI)
SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA (VR)
MONTEGROTTO TERME (PD)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2010
Credo che se il sintomo persiste potrebbe pensare ad una visita specialistica ortopedica per focalizzare l'attenzione sull'articolazione del ginocchio, anche se ho fiducia che una attività fisica regolare senza sovraccarichi ed un controllo del peso corporeo forse potrebbero già di per sè darLe sollievo. Mi tenga al corrente, se vuole. Cordialità.
Dr.ssa Emy Brunello