Utente 788XXX
Ho 41 anni, peso 64 Kg e da circa 20 anni pratico ciclismo a livello amatoriale, da alcuni anni ho intrapreso anche l'attività di podista, alternando le due attività. Nel mese di maggio, dopo una preparazione per una gran fondo di ciclismo ho ripreso la corsa a piedi e in circa 40 giorni ho preparato una mezza maratona con un buon tempo (1h e 34 minuti). Durante la preparazione ho cominciato a sentire un dolore al ginocchio sx, sotto la rotula ai lati del tendine rotuleo, comunque ho continuato gli allenamenti ed ho fatto la gara. Il giorno dopo il dolore era aumentato quindi sono stato fermo x 10gg. ma senza diminuzione del dolore. Il gionocchio non si è mai gonfiato ed al tatto non provo dolore, ma se provo a correre inizia ad aumentare il dolora nella zona sotto rotulea. Inoltre, a riposo, (se provo a mandare il ginocchio in leggerissima torsione/piegamento)sento un CLIK e poi sento come se si sbloccasse ed il dolore diminuisce. Il 22 agosto ho effettuato una RMN con il seguente esito:
indagine eseguita con tecnica di acquisizione SE e TSE utilizzando sequenze atte ad ottenere immagini pesate in T1 e T2 secondo piani di scansione assiali, sagittali e coronali.
- assenza lesioni strutturali ossee di tipo focale evolutivo.
- non alterazioni delle fibrocartilagini meniscali.
- regolari legamenti crociati.
- non alterazioni dei legamenti collaterali.
- rotula tendente all'extrarotazione ai gradi di flessione dell'indagine in assenza di alterazioni dei legamenti alari.
- sovra rappresentazione del fluido endo-articolare.
- normali le restanti strutture esaminate.
Al momento, esco in bicicletta per pochi Km e con rapporti agili, inoltre con l'uso di un tapis-roulan cammino velocemente in salita per circa 15 minuti, per non perdere tono muscolare.
Cosa mi consiglia di fare ?

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Egr. pazienta consulti uno specialista ortopedico.
Solo un approfondito consulto specialistico ed una valutazione clinica dell'articolazione , oltre all'analisi della rmn possono fare diagnosi certa.
Quindi appropriato programma fisiochinesiterapico.
Saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente 788XXX

Gentile Prof. Caruso
Ieri ho effettuato una visita ortopedica.
Dall'esame della RMN il Dottore non ha rilevato nessuna anomalia, inoltre dopo una serie di manovre effettuate sul ginocchio non ha trovato nessun problema articolare, l'unica problematica rilevata è data dal ridotto spostamento in senso laterale della rotula, sembra che sia troppo "tirata" verso l'esterno dal legamento alare.
La diagnosi è stata "condropatia rotulea", a seguito di questo cattivo allineamento della rotula si sarebbe infiammato il tendine rotuleo, mi ha prescritto una bustina di Condral 800 mg. al giorno per 2 mesi, inoltre mi ha consigliato di fare solo contrazioni isometriche e di evitare assolutamente attività fisica che possa stressare la rotula.
La mia domanda è la seguente:
- può una condropatia rotulea, non evidenziata dalla RMN,portare problemi al tendine rotuleo ? (faccio presente che ad oggi dopo più di 2 mesi di inattività sportiva continuo ad avere - anche a riposo -dolore ai lati del tendine rotuleo e comunque non provo alcun dolore alla digitopressione, inoltre continuo a sentire un clik sul tendine quando provo a portare in leggerissima torsione il ginocchio);
- devo fare altri esami e consultare altri specialisti ?

La ringrazio anticipatamente per la disponibilità