Utente 195XXX
buon giorno
ho la passione della corsa e da questa estate ho un problema al ginocchio sx nella parte anteriore interna.
durante la corsa questo problema si limita ad essere solo un fastidio che di solito sparisce a muscoli caldi mentre e' piu accentuato durante il riposo notturno, a volte capita che al risveglio il ginocchio mi rimane bloccato per qualche attimo, o quando al lavoro, dopo essere stato seduto per un certo periodo di tempo, mi devo alzare.
ho provato a sostituire temporaneamente la corsa con il nuoto e mentre non ho difficolta con lo stile libero, accuso dolore
al ginocchio se decido di nuotare a rana.
su consiglio del dottore ho sottoposto il ginocchio a risonanza magnetica e nel referto leggo: "non si osservano lesioni meniscali.
nei limiti i legamenti crociati, i collaterali, il tendine rotuleo e il tendine del muscolo quadricipite.
L'esame non ha evidenziato significative falde di versamento articolare.
Accenno a pressione rotulea esterna con modesta disomogeneita' d'intensita' di segnale della cartilagine
articolare, senza segni di sofferenza dell'osso subcondrale."
Avete un consiglio a riguardo da darmi ?
ringrazio anticipatamente

[#1]  
1759

Cancellato nel 2012
DAI SINTOMI CHE LEI DESCRIVE E DAL REFERTO DELLA RISONANZA NON SI EVIDENZIANO FATTI IMPORTANI, MA IL DOLORE AL GINOCCHIO LE IMPEDISCE MOVIMENTI BANALI ANCHE COME IL NUOTO. LA SINDROME IPERPRESSORIA ESTERNA DELLA ROTULA POTREBBE ESSERE TRATTATA CON CORRENTI DI KOTZ PER EVENTUALE RINFORZO DEL MUSCOLO VASTO MEDIALE ED EVENTUALMENTE CON ONDE D'URTO AL GINOCCHIO. CORDIALI SALUTI

[#2]  
Dr. Alberto Giattini

24% attività
0% attualità
0% socialità
ASCOLI PICENO (AP)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2005
Dai sintomi descritti e dal referto di Risonanza Magnetica si può ipotizzare o una sindrome rotulea o un processo artrosico iniziale (non raro alla sua giovane età e non rarissimo anche su atleti agonisti più giovani di lei). Oltre alle terapie descritte potrebbe associare dei condroprotettori (sostanze che proteggono la cartilaine)da assumere per bocca a cicli di due mesi alternati a due mesi di sosta. La sostanza di base si chiama glucosamina solfato, i nomi commerciali sono diversi. Chiedendo al farmacista un farmaco a base di questa sostanza (è un componenete della cartilagine articolare)le saprà dire quale prendere.
Cordiali saluti.
Alberto Giattini
Dr Alberto Giattini
Fisiatra