Utente 215XXX
Ho 44 anni e da circa 2 anni sto facendo sport a livello amatoriale. Quasi tutti i giorni o comunque quando il tempo lo permette faccio circa 60/70 Km in bicicletta. Il primo anno è andato tutto bene anzi benissimo perché ho risolto tantissimi problemi, insonnia, peso eccessivo, dolori cervicali, ecc. Ma dall’inizio di quest’anno ho riscontrato l’insorgere di un altro problema. Nel febbraio del 2006 nel mezzo di una competizione ciclistica ho accusato dei fortissimi crampi che partivano dai polpacci e salivano fino ai glutei attraversando i nervi sciatici, ma, non volendo rinunciare a detta gara ho continuato (stupidamente) la corsa alzandomi più volte in piedi su pedali in maniera da stendere nervi e muscolatura. Alla fine sono riuscito a terminare la gara ma con dei dolori atroci. Da quel giorno ho sempre avuto l’impressione di non aver più recuperato adeguatamente lo sforzo pagato, in quanto a tutt’oggi, accuso sempre dei dolori alla schiena in corrispondenza soprattutto del rene sx, dolori al gluteo sx, all’inguine sx, e lungo tutto il nervo sciatico fino al polpaccio sx. A volte mi si raffredda anche il piede. Ho interrotto l’attività fisica per 2 mesi e quando credevo di aver risolto il problema in quanto non sentivo assolutamente più nulla, alla prima leggera corsetta a piedi di 5 minuti, sono ripiombato nel solito dolore. Attualmente quando faccio le scale sento un leggero fastidio alla gamba sx e quando cammino sono obbligato a fare un passo più piccolo con la gamba sx rispetto a quella dx, altrimenti rischierei di dovermi fermare dopo un centinaio di metri o comunque di aumentare il fastidio in effettivo dolore

Esiti tac RACHIDE LOMBARE SENZA MDC
INDAGINE ESEGUITA DA L3 A S1

A livello degli spazi intersomatici esaminati non si rilevano segni di ernia discale.
Canale neurale nei limiti.
Modesta ipertrofia dei massicci articolari e modesti segni di artrosi interapofisaria e somatomarginale.

Che consiglio mi date? È possibile che qualche nervo si sia leso o si sia spostato per l’eccessivo sforzo dalla sede originale? Senza la bicicletta mi sembra di morire, posso continuare l’attività sportiva o devo cambiare sport ammesso che un altro sport lo possa fare
Grazie infinitamente

[#1]  
Dr. Massimo Scorretti

28% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2006
Probabilmente la tua performance atletica in bici ha determinato delle sollecitazioni sul rachide che hanno determinato un evento acuto, più di carattere muscolare che articolare. Probabilmente, inoltre, il problema acuto non è stato trattato adeguatamente ed oggi se ne ravvedono ancora le stigmate dolorose e disfunzionali. Non so quali terapie siano state attuate per l'occasione, occorrerebbe tuttavia controllare con una TC multistrato 2D e e 3D la colonna lombare ed evidenziare attraverso un elettromiografia la conduzione dei due nervi ischiatici per vedere se vi siano dei ritardi di conduzione nervosa che potrebbero essere alla base delle disfunzioni sofferte.

Un saluto
CORDIALI SALUTI
dott. Massimo Scorretti
Cardiologo Ematologo

[#2] dopo  
Utente 215XXX

La ringrazio per la sua risposta. Proverò a fare gli esami da lei consigliati