Utente
Egregio Dottore, buona serata.

Vorrei cortesemente un parere in merito ad una lastra che ho fatto oggi in ospedale.

Ho 35 anni.

Circa un mese fa mi son raffreddato con mal di gola e catarro. Mi son curato con l'aerosol a base si fluidificante/antibiotico e cortisone che mi ordinò il medico una volta vitatomi (i polmini erano puliti)

Il raffreddore mi è passato, ma da circa 3 settimane ho una tosse che mi rompe un pò.

Tossisco molto poco, a tratti, sopratutto la notte e dopo i pasti. Allora ho deciso di fare una lastra al torace, il risultato sarà disponibile Venerdì.

Il tecnico di laboratorio (e non il medico) mi ha fatto notare una specie di ragnatela (non ricordo la parola giusta, sembrava quasi come se ci fossero dei fili sottili). Ma mi ha detto che non era nulla di che, anche perchè non ho mai avuto febbre.

Non ho nessun tipo di malattia e non fumo.

Mi devo preoccupare o può essere una bronchite non curata?

La ringrazio anticipatamente e mi farò risentire quando ritirerò il risultato della lastra e del tampone faringeo.

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Alberto Calvieri

40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gent.le Utente
il reticolo di cui lei parla in merito alla lastra RX del torace è probabilmente quella che viene definita "trama bronchiale" che può essersi ispessita per motivi tossici come il fumo di sigaretta( ma non e' il suo caso) oppure inalazione costante di gas volatili come in alcuni ambienti di lavoro oppure per cause sconosciute. La presenza di tosse persistente e resistente alla terapia può essere espressione di svariate patologie sia dell'albero bronchiale sia di altri distretti respiratori come per esempio una sinusite cronica, una laringite (laringoscopia) o tracheite persistente; anche altri organi possono essere coinvolti nelle determinazione della tosse come lo stomaco e l'esofago (reflusso gastroesofageo) ; pertanto sarebbe utile approfondire la questione qualora il problema si protraesse per qualche settimana ancora per non tralasciare eventuli possibiltà
Cordialità
Dr. Alberto Calvieri - Specialista in Scienza dell'Alimentazione
www.albertocalvieri.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua risposta. Venerdì mattina ritiro i risultati ufficiali della lastra e i risultati del tampone fringeo e le farò sapere.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Utente
Buona Giornata.

Ho ritirato ora i referti medici dell'rx al torace e del tampone faringeo.

RX torace: L'esame eseguito nelle due proiezioni standar non mostra addensamenti parenchimali polmonari flogistici in atto.
Modesta accentuazione della trama diffusa.
Seni costofrenici liberi.
Ombra cardiaca nei limiti.

Tampone: Negativa la ricerca per germi comuni.


Alla luce di questi risultati, vorrei gentilmente domandarle, cosa vuol dire accentuazione della trama diffusa? E' qualcosa di grave o che può peggiorare?
Tenga in considerazione che io non fumo e non lavoro in luoghi esposti a gas. Lavoro semplicemente in un ufficio legale a Roma.

Ho bisogno di cure per eliminare questa accentuazione?
Cosa mi consiglia?

Cordiali saluti e buona giornata.

[#4]  
Dr. Alberto Calvieri

40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gent.le utente
la presenza di una accentuazione della trama bronchiale, per di più modesta come nel suo caso, non deve assolutamente costituire un motivo di preoccupazione. E' un reperto radiografico pressochè costante sopratutto in coloro che vivono in una grande città; oserei dire, lo "scotto respiratorio" da pagare per vivere in una metropoli come Roma in preda all'inquinamento; e' sufficiente recarsi al lavoro in metropolitana od in motorino tutti i giorni per poter presentare questo quadro dopo qualche anno; non è per altro pregiudizievole per evoluzioni future e si riscontra ovviamente anche nei fumatori, nei quali ovviamente il fenomeno è molto più accentuato. I motivi della sua tosse non sono affatto questi ma andranno ricercati altrove (sinusite? reflusso esofageo, allergie o asma incipiente?)
un saluto cordiale
Dr. Alberto Calvieri - Specialista in Scienza dell'Alimentazione
www.albertocalvieri.it

[#5] dopo  
Utente
Grazie vivamente per la sua risposta.

In effetti ieri son stato dal Medico che mi ha confermato la sua diagnosi. Praticamante non ho nulla.

Ora mi sento più tranquillo.

Guardi, per quanto riguarda l'asma, mai avuto in vita mia, non presento cioè segni di questa patologia, sinusite neppure, mentre invece soffro di gastrite da tanto tempo, una gastrite nervosa che mi causa anche extrasistoli abbastanza forti.

Iniziarono a venirmi a 19 anni durante l'Università (ora ne ho 35) e mi sottoposi terrorizato a tante visite cardiologiche ma i risultati furono sempre negativi.

Fecci anche una lastra allo stomago che identificò una gastrite profonda erosiva.

Tra l'altro sono intollerante al lattosio, ma da buon Sardo continuo imperterrito a mangiare formaggio (poco ma lo mangio).

Comunque lo stomago centra molto in tutto questo, non solo con la tosse (che comunque mi sta passando) ma anche le extrasistoli che tante volte mi hanno fatto veramente spaventare.

Dovrei fare la gasteoscopia, ma chi ha il coraggio? Dovrei informarmi su quella nasale.

Lei sa qualcosa a proposito? Qualche centro specializzato in cui praticano la nasale? Così finalmente mi potrei curare anche lo stomaco per avitare conseguentze spiacevoli come extrasistoli e digestione terribile.

Conrdiali saluti.