Utente
Gent.li medici, sono una ragazza di 24 anni e sto studiando all'università, quindi mi capita spesso di affrontare, in modo non facile, la preparazione degli esami; proprio adesso ne ho uno il 20 settembre e passo le giornate intere con tachicardia, ansia e paura di non riuscire a studiare tutto in tempo!non sono assolutamente una fanatica dello studio ma siccome ho un esame abbastanza difficile mi sto scoraggiando a priori (è più forte di me) e non riesco a stare tranquilla! la mia domanda è se ci sono prodotti erboristici, come gli integratori, efficaci per migliorare la qualità dell'attenzione e anche della memoria e soprattutto se ce ne sono in grado di farmi stare più tranquilla!
grazie mille
cordiali saluti
DP

[#1]  
Dr.ssa Marzia Del Monte

16% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2011
Salve, le posso dire che il suo sembra più un problema psicologico,ossia un forte ansia da prestazione dovuta probabilmente a timore del giudizio e ad una autostima bassa.
Se questa condizione permane da tempo e comunque le condiziona fortemente le giornate, le consiglio vivamente una consulenza psicologica in modo da valutare anche l'effettivo bisogno del farmaco ansiolitico o meno.Lei è giovane tenti altre strade prima di prendere farmaci che poi hanno altri effetti collaterali.
Cordialmente
D.ssa Marzia Del Monte
Roma
Dr.ssa Marzia Del Monte

[#2]  
Dr.ssa Marzia Del Monte

16% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2011
Ci sono dei prodotti omeopatici come La plassiflora, la melissa,la valeriana etc che aiutano un pochino il rilassamento ma non so nel suo caso quanto possano essere utili, se da una parte sono molto blandi dall'altra potrebbero interferire con la sua capacità di concentrazione.
Credo che il suo sia più un discorso interiore da affrontare, cerchi di non vedere l'esame come qualcosa di orribile ma come qualcosa che servirà a lei, alla sua conoscenza e al suo futuro lavorativo. Ristrutturando questo tipo di pensiero potrebbe sentirsi meglio.
Saluti
Dr.ssa Marzia Del Monte