Spasmi,tremori e pizzichi sul corpo.

Buonasera, tutto è iniziato 8 mesi fa,precisamente 11/02/2016.
Dopo una cena , inizio a farmi male lo stomaco , respiravo a fatica , avevo freddo e tachicardia il tt si concluse al pronto soccorso con la diagnosi di "costipazione".
La settimana succ. prima di cenare , mentre ero in giro con mia moglie , inizio tt con nel farsi i piedi freddi , accompagnato con tremori e spasmi sul tt il corpo, tachicardia e respiro affannoso. Mi recai al pronto soccorso dove tt gli esami risultarono negativi , anche il cardiologo disse che clinicamente scoppiavo di salute .
Effettuando la gastroscopia mi diagnosticarono esofagite da reflusso gastroesofageo.
Ho fatto tante analisi , tt con esito negativo , visita cardiologa , visita neurologica , risonanza encefalo... con esito negativo ! Dopo tt i sintomi che mi sono rimasti sono questi forti spasmi e tremori su tutto il corpo.
Vorrei un consiglio in merito , se potrei fare qualche esame specifico, in più con la sola risonanza all encefalo negativa posso escludere la sclerosi multipla?
Grazie .
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
La RM dell'encefalo con il mdc è l'esame di elezione per escludere, sospettare, diagnosticare la SM e eseguire il follow -up.

Se il neurologo avendo valutato gli spasmi e i tremori che riferisce ha escluso patologie non vedo perchè non debba credergli
Mi pare che il suo problema sia una grave sindrome ansioso - ipocondriaca e che la stessa vada curata da uno specialista con farmaci adatti.
In ogni caso per gli spasmi e i tremori può tornare a visita dal neurologo che può essere il precedente o sentire un secondo parere se del primo non è soddisfatto.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
GraIe gentile dottore.
La mia domanda è alla sola finalità di sapere se la RM encefalo con mdc bastava per escludere al 100% la SLA , poiché leggendo ed informandomi su internet dei sintomi , qualcuno di essi mi rappresentava.
Credo nel periodo ansioso, difficile e colmo di preoccupazioni e i sintomi che mi fanno star male mi portano a pensare sempre al peggio.
Avevo pensato di eseguire anche un elettromiografia a causa di questi spasmi forti e duraturi.
Nelle analisi del sangue di maggio scorso sono stati evidenziati dei linfociti attivati , mi hanno spiegato che potrebbe essere stata un influenza , lei cosa ne pensa? Grazie davvero della sua gentile risposta.
[#3]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
La presenza di linfociti attivati, se vera, è reperto peculiare di una mononucleosi o di una Citomegalovirosi che può chiedere al suo curante di accertare con gli appositi test immunologici.

In quanto alla SLA, che è tutt'altra cosa che la SM, lei deve fare ciò che un neurologo le consigli: non deve autoprescriversi esami diagnostici da solo. Non lo fanno neppure i medici assennati.
Quindi se il disturbo continua vada di nuovo a visita neurologica possibilmente sentendo un secondo parere.
Mi tenga aggiornato, se vuole.

Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Carissimo dottore .. ecco , lei è molto scrupoloso cosa che non ho riscontrato in tt i dottori da cui mi sono recato.
Con la presenza dei linfociti attivati, il mio curante mi ha detto semplicemente che avevo avuto un influenza, che è passata .
Non mi ha prescritto nessun altro accertamento lasciando li la cosa.
Io da piccolo , all era di 15 anni ho avuto la mononucleosi quindi sarei portatore sano.
Ho letto che per quanto riguardo il citomegolavirus può essere trasmesso al feto nelle donne in gravidanza , mia moglie è incinta e tra pochi gg dovrà partorire.
Scusatemi per L errore nel scrivere Sla anziché SM.
Al fine di verificare se i linfociti sono ancora attivati , lei cosa mi consiglia ? Di ripetere le analisi ? Potrebbe essere anche questa la causa di questi vari tremori , spasmi e pizzichi, oltre allo stato ansioso di cui mi parlava ? Grazie mille , impeccabile .. peccato per la distanza !
[#5]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Faccia solo il CMV e il toxoplasma che possono produrre linfociti attivati in fase acuta.
E sempre che quei linfociti attivati siano reali, cioè desunti da uno striscio di sangue periferico fatto e colorato ad arte e letto da un occhio esperto.
Perchè se è il risultato della lettura del contaglobuli automatico c'è da fidarsi poco quanto niente.
In ogni caso sua moglie ormai non corre più alcun rischio.

Non vi è comunque relazione con la sintomatologia neurologica che riferisce.

Grazie per gli apprezzamenti: sarebbe falso dire che non sono gratificanti.
Cari saluti,
Dr. Caldarola.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore .. davvero!!! visto che eseguirò al più presto queste analisi mi consiglia di farne anche altri? .. gli elogi sono sinceri , purtroppo a me manca una persona competente e di fiducia come lei, che non lascia nulla al caso!
Nella mia vita sono il tipo che non lascia nulla al caso, sono molto scrupoloso soprattutto nella professione che faccio e vorrei che prp come me e come lei svolgessero tt il prp lavoro con la giusta dose di giudizio.
Io sono di Battipaglia, se e quando sarà di passaggio sarò lieto di farle assaggiare la specialità della mia città , la mozzarella .. sarà mio ospite ! Grazie mille davvero.
[#7]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Non c'è bisogno di altri esami.
Se passerò da Battipaglia mi farà piacere conoscerla personalmente.

Carissimi saluti,
Dott.Caldarola.
[#8]
dopo
Utente
Utente
Dottore , buonasera .
Magicamente in questa sett i forti spasmi ,tremori e pizzichi sono passati.( o meglio alleviati almeno del 90% rispetto a prima)
L unica cosa che mi capita che mi capita ultimamente è sentire un forte dolore al petto , lato centro sx altezza del cuore .
Il dolore e di breve durata ma che mi fa restare con il fiato sospeso, oggi mentre ero a lavoro seduto nel mio ufficio , ho sentito un dolore fortissimo al petto , ho iniziato a sudare freddo , è durato all incirca 30
Secondi. Il dolore al petto si accentua , soprattutto quando restò disteso su di un lato , quando mi abbasso e come spesse volte accade all improvviso . Visto che è stato così gentile,cordiale e professionale sa darmi qualche dritta in merito ? Consiglio ?
La ringrazio anticipatamente
[#9]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Difficile darle un consiglio professionale senza visitarla e per via telematica.
Il suo dolore può essere di origine"nevralgica", da reflusso gastro esofageo, da alterazioni posturali.

Se si è insinuato il tarlo del dolore ischemico, l'unico e semplice modo per escluderlo, è chiedere al suo curante di farle fare un test da sforzo massimale al cicloergometro o al tapis roulant.
Poi dimenticarsi di questo dolore o valutare la necessità di una visita fisiatrica e di una gastroscopia.

Faccia sapere se vuole.
Arrivederci,
Dott. Caldarola.
[#10]
dopo
Utente
Utente
Caro dottore , mi è stata già diagnosticata L esofagite da reflusso , cosa significa se si è insinuato il tarlo del dolore ischemico ?( il pensiero che possa pensare ad un attacco ischemico?)
La prova da sforzo L ho fatta ed è risultata ottima , ho ftt anche la vis. cardiologica tutto perfetto , il cardiologo ha evidenziata una bradicardia e mi ha consigliato di non fumare e ricominciare con L attività fisica visto che da 3 anni , non la faccio più costantemente .
Una volta a settimana mi reco da uno osteopata per effettuare esercizi di stretching e terapie .
Un ulteriore informazione , a volte ho anche dei momenti dove mi sento calda una parte del corpo, tipo il viso. Il piede... siete Number one doctor.
Grazie grazie grazie
[#11]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Sono disestesie senza significato clinico.
Sia sereno.

Grazie dei complimenti: è lo staff che sceglie i medici migliori....Il merito anche a lui!
Lei è simpaticissimo.
:-D

Cari saluti,
Dr. Caldarola.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa