Psicofarmaci e reazione allergica

Salve sono una ragazza di 30 anni,da cui soffro di ansia e panico da 7.ultimamente sono stata da una psichiatra che mi ha diagnosticato un disturbo depressivo ansioso, e mi ha prescritto "Efexor 75" la sera per 5 giorni, per poi aumentare a 150,"Lamictal 50" a pranzo e dopo 7 giorni aumentare a 100. E Laprozolam gocce solo se neccessario.per la prima settimana tutto bene, ma quando ho aumentato lamictal mi portava sonnelenza appena iniziava a farmi effetto,tanto che dovevo dormire,cosi ho diminuito di nuovo a 50,ma un po di sonnolenza me lo portava comunque.invece efexor non mi portava nessuno controindicazioni anche aumentandolo,fino a ieri sera,che dopo 10 giorni dalla inizio di cura mi si è presentato un allergia sulle gambe e braccia.ma non ci ho pensato più di tanto,stamani invece svegliandomi c'è l avevo per tutto il corpo,gambe e braccia riempiti di puntini rossi,anche sulla pancia e sul viso.mi sono recata all ospedale di cui mi hanno detto di sospendere immediatamente i due farmaci e mi hanno fatto due siringhe di cui una bentelan,e un altra non so cosa,diagnosticandomi una orticaria verosimile da farmaci e dandomi una cura di bentelan due al giorno,zirtec una capsula al giorno e zantac sempre una al giorno e consigliandomi una visita dermatologica.non riesco a rintracciare la mia psichiatra, siccome lavora presso ASL mi dicono che non c'è e devo provare lunedì. Volevo chiedervi è possibile che la reazione allergica io l abbia avuta dopo 10 giorni?sarà che questo stabilizzatore dell umore "lamictal" non c entra per niente del mio disturbo? Grazie
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Se lei è allergica, o sviluppa allergia ad un farmaco, che lo stesso c'entri con il disturbo o non c'entri è irrilevante ai fini della reazione allergica.
La Lamotrigina che è il principio attivo del Lamictal, ha come effetto molto comune la comparsa di una eruzione cutanea, esattamente come da lei descritta, che viene classificata tra gli effetti collaterali "molto comuni" (fino a 12 pazienti su 100).
Solo il 2% dei pazienti ha sospeso la terapia.
Questo è quanto emerge dagli studi clinici pre - marketing.

Lo faccia presente alla sua psichiatra, appena la potrà contattare, e la stessa le darà le dritte giuste, probabilmente cambiandole il farmaco.
Dalla terapia che assume presumo, me ne dia conferma se vuole, che Ella soffre di un disturbo bipolare con prevalenza degli episodi depressivi.
In tale caso il lamictal è molto indicato.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve dottoressa non mi è stato detto che soffro di disturbo bipolare,anzi,ma di disturbo depressivo ansioso.il mio problema che mi sono recata dalla psichiatra è proprio per il mio stato di forte ansia e panico che hanno ridotto la mia vita al limite. Ora non saprei se la psichiatra non me lo abbia detto per non farmi andare in panico..Oltre a questo che mi è capitato, lamictal mi stava dando anche forti problemi di sonnolenza. Non fa niente adesso sospendere la terapia all improvviso?
[#3]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Guardi,
se la Psichiatra le ha detto che soffre di depressione ansiosa creda a Lei e non a me.
La mia era più che una ipotesi, una domanda.
La sospensione dei farmaci potrebbe riaccentualrle lo stato ansioso: ma considerando che vedrà la sua Psichiatra lunedì, penso che non avrà grossi problemi.
Mi faccia sapere.

Cari saluti,
Dr. Vincenzo Caldarola convintamente di sesso Maschile!
:-D

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa