Utente 232XXX
Buongiorno dottori,
non so se il mio problema sia ansia da prestazione o altro, fatto sta che da non riesco a fare l'amore con la mia ragazza, nel senso che una volta ottenuta l'erezione, mi basta perdere qualche secondo per trovare l'ingresso, e perdo l'erezione.
Un problema fisico lo escludo perchè manualmente va da dio, infatti concludiamo sempre tramite masturbazione e sesso orale (in quest'ultimo già non va chissà quanto bene).
La mia conclusione è che nei tanti anni da single, mi sono troppo abituato alla masturbazione, ed è come se la mente non riuscisse a viversi il momento del rapporto. La mia ragazza addirittura si è resa disponibile a fare sesso anale, cosa che da sempre è stato il mio sogno, eppure li per li anche vederla in quel modo, in quella posizione, non mi faceva ne caldo ne freddo, non sentivo voglia improvvisamente.
Mi capitava anche con la mia ex, e mi successe anche parecchi anni fa con una escort.
In quei momenti è come se mi spegnessi e non riuscissi a provare piacere, tant'è che per avere l'erezione ed arrivare all'orgasmo, devo un minimo fantasticare con la mente, perchè il presente, ciò che vivo, non lo riesco a realizzare e di conseguenza non mi fa nessun effetto.
Potrebbe esserci anche una modella, anche la modella più sexy del pianeta, e non mi farebbe ne caldo ne freddo.
Gay non sono perchè gli uomini mi fanno schifo, e da maschio super dominante mi fa venire l'orticaria il pensiero di essere passivo. Insomma gay lo escluda al 101%.
Mi piacciono da morire le ragazze, già dai tempi delle medie (quindi 12-13 anni) mi masturbavo tantissimo sia pensando alle mie compagne di classe sia donne adulte (anche signore), ed anche pornostar. Ho una libido straordinaria, e penso al sesso praticamente tantissimo tempo, perchè mi piace da morire, e quando sono solo, penso che appena sarò con la mia ragazza, là farò esplodere dal piacere...ma una volta li, invece mi passa tutta la voglia e mi sento come asessuato.
Ho provare ad usare il cialis, e con esso non perdo l'erezione facilmente, però non essendoci voglia, ci impiego un'ora ed oltre a venire, con erezione non al top, e rigorosamente SENZA preservativo, perchè già con la protezione dopo un pò perdo l'erezione.
Cosa mi consigliate di fare? Devo per forza rivolgermi ad un sessuologo? Non potete darmi qualche consiglio per fare delle prove? Tanto che danni potete fare laddove doveste toppare diagnosi? Perchè tanto per ora quello sto facendo, cercare ovvero di autoanalizzarmi e venirne a capo, e vorrei riuscirci con le mie forze...sia per non buttare soldi, sia perchè mi scoccia farmi aiutare, perchè mi reputo molto razionale, spesso risolvo io i problemi agli altri...e mi scoccia insomma andare da un professionista per una cosa del genere.
Mi aiuterebbe tanto se mi deste qualche consiglio.
Dirmi di andare da un sessuologo però non mi aiuta, però ci arrivo anche da solo.
Grazie in anticipo e buona domenica.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012

Gentile utente,

Le abbiamo più volte risposto sulla tematica, nelle varie aree.

(ad es. https://www.medicitalia.it/consulti/psicologia/522608-perdita-di-erezione-durante-il-rapporto.html )

<<Cosa mi consigliate di fare? Devo per forza rivolgermi ad un sessuologo? Non potete darmi qualche consiglio per fare delle prove?<<

Ora non si tratta di fare prove; è proprio il caso che si rivolga di persona ad un nostro Collega per analizzare la situazione (oltre ad una visita urologica, se non l'ha ancora fatta).

Saluti cordiali.
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010