Il giorno dopo ho avvertito ancora dolori fortissimi

Salve, sono una ragazza di 25 anni le scrivo per un problema che è sorto una settimana fa, mentre dormivo ho avvertito fortissimi dolori all addome con conseguente diarrea e vomito , pensando ad un influenza intestinale non le ho dato peso e mi sono addormentata di nuovo. il giorno dopo ho avvertito ancora dolori fortissimi e sono stata portata dai miei genitori in ospedale sono stata tenuta li in osservazione per una notte per l aumento delle lipasi 170 per l esattezza, il giorno dopo completo digiuno dolori spariti, quindi sono stata dimessa anche avendo ancora i valori un po alti, 105. Mi era stata assegnata una cura di lucen20 la mattina e riopan dopo i pasti principali.
Dopo neanche 24 ore dal ricovero ho avvertito di nuovo questi dolori lancinanti alla bocca dello stomaco nausea e vomito e collasso, sono tornata di nuovo in ospedale dove mi hanno tenuto per due notti mi è stata fatta un ecografia all addome e una TAC con contrasto con esito negativo di entrambe, solo molta aria nell intestino. Sono stata di nuovo dimessa con i valori 150 della lipasi con cura lipasi20 mattina e mezz ora prima della cena riopan pasti principali 7 gocce di bromazepam per stare un po più' tranquilla e buscopan in caso di forte dolore. Questo è successo tutto martedì, sono dovuta tornare oggi in pronto soccorso per eseguire di nuovo gli esami e le lipasi si sono alzate a 207 la dottoressa mi ha detto che non sono valori preoccupanti avendoli fatti dopo aver mangiato, e di ripeterli lunedì mattina a stomaco vuoto.
Le scrivo questo perche sono molto preoccupata i dolori vanno e vengono ma non sono forti come prima.
Premetto di aver fatto quasi un mese fa la gastroscopia, analisi celiachia e vari esami per disturbi allo stomaco risultati negativi solo reflusso e gastrite.
Vi ringrazio per l attenzione , aspetto una vostra risposta cordiali saluti .
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Gentile Signorina,
premesso che non conosco il valore massimo di riferimento del laboratorio che le ha dosato la Lipasi, la stessa è indice di una sofferenza pancreatica che potrebbe essere anche di natura virale.
Dell resto la TC che ha fatto non ha confermato alterazioni pancreatiche suggestive di pancreatite acuta o di altro.
Non ho ben capito con cosa sia stata dimessa: la migliore terapia in questi casi è la completa inibizione della secrezione acida dello stomaco per qualche giorno che mette a riposo il pancreas e una dieta leggera od il digiuno con alimentazione parenterale.
E' essenziale la valutazione giornaliera dell'andamento della lipasemia basale per verificare se il trend tenda a salire o sia in discesa.
Perciò io l'avrei tenuta ricoverata qualche altro gg.
Il Lexotan e il Buscopan sono dei sintomatici ma non curano nulla.
Se la situazione dovesse perdurare il gold standard è una RM epato pancreatica con studio in Colangio RM della canalizzazione biliare perchè piccoli calcoli o malformazioni anatomiche, su cui non mi soffermo, possono sostenere quadri come il suo.
Faccia sapere se vorrà.
carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
Innanzitutto la ringrazio per l immediata risposta. Continuo nel dirle che i valori massimi del laboratorio arrivavano fino ai 60.
Mi è stato detto di non preoccuparmi finche i valori non avrebbero superato i 300 ma sinceramente non sto cosi tranquilla. riguardo l esame da lei proposto mi è stato detto di eseguirlo ma devo trovare una clinica che lo faccia perché li non era possibile.
Se posso lunedi le farò avere le risposte delle analisi che ripeterò in mattinata.
La ringrazio infinitamente.
[#3]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Di nulla!
Buona domenica.
Dott. Caldarola.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa