dolori post intervento

Salve, mi sono operato oggi di estrazione del 38.
in realtà avrei dovuto estrarre entrambi gli ottavi inferiori ma vi sono state delle complicanze con il primo che hanno previsto un ora per solo dente.
Tutti entravano ed uscivano in 15-20 minuti, io sono stato in sala per un ora buona!
Non riuscivano a togliere il dente, non so bene cosa stessero facendo perchè ero sotto sedazione anche se ho provato molto dolore, ho sentito di tutto e di piu, trapanare, far leva, seghettare...
Dopo un ora sono riusciti a togliere il dente e mi hanno messo dei punti riassorbibili e mandato a casa dopo un paio di ore.
Terapia di dimissione, continuare augmentin ogni 12 ore, e come antidolorifico mi è stato dato il gladio 100mg.
Il problema è che ho dei dolori lancinanti e nemmeno l'antidolorifico me li fa passare!
Non riesco ad aprire la bocca, non riesco a parlare e non posso nemmeno mangiare.
Ho dolore anche ad ingoiare la saliva e non capisco come possa essere possibile!
Ho tutti i linfonodi del collo di sinistra ingrossati e ho un dolore lancinante!
è normale che io abbia tutti questi dolori e che addirittura non riesco a ingoiare la saliva?
Quanto durerà tutto cio?
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
è tutto normale e i dolori dureranno pochi gg.
Eventualmente, sotto consiglio medico, può assumere del tramadolo o una associazione di Paracetamolo e codeina per qualche giorno.
Buona e rapida guarigione.
Dott. Vincenzo Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
d'accordo la ringrazio.
volevo chiederle, siccome ho paura di lavare i denti in questi giorni per rischio emorragia, posso effettuare dei risciacqui con curasept?
inoltre mi è stato detto che i punti si riassorbiranno da soli entro un mese, attualmente sto assumendo soli liquidi per evitare di staccarli e anche perchè non riuscirei a mangiare... appena il dolore e il gonfiore sarà sparito potrò riprendere gradualmente con i cibi solidi o rischio di far sanguinare la ferita?
[#3]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
sul Curasept deve sentire il suo Dentista. Nella sua situazione la concentrazione 0.20 mi pare la più indicata.
Quando il dolore sarà attutito potrà cominciare a mangiare semiliquido (semolino ecc) o pastina.
Non mangi ovviamente le croste di pane finchè la ferita non sia ben consolidata.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#4]
dopo
Utente
Utente
chiedo nuovamente scusa per il disturbo.
premetto che il dolore e il gonfiore si è ridotto parecchio e sin'ora non avevo mai sanguinato. poco fa ho sentito sapore di sangue e guardandomi ho notato in effetti che dalla ferita sta uscendo un po di sangue... non avendomi dato alcuna indicazione non so come comportarmi. ho sciacquato un bo la bocca ma è ancora presente. non lo sto toccando, ora aspetto per vedere se passa da solo e provo a mettermi la borsa di ghiaccio esternamente. ho letto su internet che può essere un segno del fatto che possa essersi rotto il coaugulo e che possa andare incontro ad un alveolite...
Possibile che non mi sia stata data nessuna indicazione e nemmeno una visita di controllo vista la complessità del mio intervento?!!!!
da cosa potrebbe essere dovuta questa perdita? se non dovesse smettere da sola come posso agire?
[#5]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
che non le sia stata data nessuna indicazione post avulsione, la dice lunga sulla professionalità del suo odontoiatra.
Il ghiaccio sulla guangia non le serve a nulla: chieda al suo curante se può bere qualche fiala di Acido Tranexamico.
Non le posso dire da cosa dipenda il sanguinamento: in quantità minime è normale. Se divenisse copioso contatti il suo odontoiatra o si rivolga ad un P.S. odontostomatologico.
Nel caso ad un qualunque P.S.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#6]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta, purtroppo sembra smettere e poi riprendere.
Sto pensando che magari possa dipendere dal fatto che oggi ho iniziato a lavarmi i denti e pian pianino ho lavato anche la zona interessata senza andare direttamente a contato con la ferita (all'apparenza).
Comunque l'intervento non l'ho effettuato dal mio dentista ma in una clinica sotto convenzione SSN nel reparto di chirurgia maxillo-facciale.
ho notato che ora anche il semplice gesto di aprire la bocca mi causa quel lieve sanguinamento. il sangue lo vedo uscire apparentemente dalla gengiva nella prozione esterna e dietro in corrispondenza dei punti. Suppongo che si sia leggermente riaperta la ferita e quindi ora deve ricicatrizzare. ciò mi fa pensare che non era gia cicatrizzata. Volevo pertanto chiederle se esiste qualche gel ad azione locale con formula cicatrizzante (acido ialuronico?) per aiutare il processo di guarigione.
Il problema è che la clinica ha un centralino che è aperto solo la mattina e il primo pomeriggio, e non mi hanno lasciato alcun recapito del reparto. Quindi per stanotte sono costretto ad aspettare, sperando che la situazione non si aggravi. se domani dovesse persistere chiamerò per chiedere informazioni. Nel frattempo la ringrazio vivamente per le dritte che mi sta fornendo lei online a differenza degli specialisti che mi hanno operato.
[#7]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Buongiorno.
Lei si è operato il 15 u.s. e non pretenderà che in due gg una ferita da avulsione complessa si cicatrizzi e non sanguini più.
Credo che forse vedere il sangue in bocca le provochi ansia ma non più di quello.
Sull'uso dello spazzolino sulla zona suturata, pur non essendo un dentista, non credo sia una manovra opportuna: molto meglio utillizzare un colluttorio antisettico (clorexidina - esetidina) che ha il vantaggio di uccidere i germi senza traumatizzare la zona.
In ogni caso chiami la clinica ed esponga il suo problema: io sto parlando per ipotesi...loro l'hanno operata e dovrebbero ricordarsi il caso risalente a due gg fa se non sono stati colpiti da amnesia.
Faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#8]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dott. Caldarola
Alla fine la ferita ha smesso di sanguinare e quindi non ho più chiamato in clinica ma avrei delle domande da farle se vuole rispondermi.
Ad oggi, (9°giorno) non ho piu alcun dolore nè gonfiore.
Il "problema" che mi suscita ansia è la presenza di quel vuoto dove prima c'era il dente.
Da qualche giorno sento come una sensazione di cibo incastrato ma apparentemente non vi è nulla, spostando i punti ho visto che sotto è presente un bel buco apparentemente profondo.
Pensavo che i punti servissero a chiudere il buco ma in realtà sono attaccati piu lateralmente non so a chiudere cosa, e quindi mi nascondevano il buco.
Vorrei pertanto chiederle se è normale che quel buco rimanga scoperto.
Volevo inoltre chiederle, in linea di massima in quanto tempo avviene la completa cicatrizzazione.
Ho letto che il processo di guarigione parte dalla porzione più profonda, dove pian piano si va a ricostituire il nuovo tessuto osseo.
Ma in tutto questo periodo il buco rimane aperto anche superiormente?
Ho inoltre letto che ci imiega circa 60 giorni me lo conferma?...
quindi in tutto questo periodo devo continuare a masticare a destra e fare attenzione che qualcosa non entri nella ferita?
La ringrazio per la gentile attenzione.
Saluti
[#9]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
guardi, io non sono nè odontoiatra nè chirurgo maxillo facciale.
Ma credo che entrambi questi specialisti per esprimersi compiutamente avrebbero bisogno di verificare l'andamento della sua ferita da avulsione de visu e non telematicamente.
Che non abbia più dolore e gonfiore e che non ci sia più sanguinamento sono senz'altro degli ottimi segni clinici; in quanto alla profondità del "buco", al comportamento alimentare, e a tutto quello che è connesso ad una avulsione complicata, ora che sta bene deve recarsi assolutamente in clinica e farsi vedere dal Chirurgo che l'ha operata.
Se avesse piacere mi potrà informare.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
[#10]
dopo
Utente
Utente
salve, le scrivo in quanto a distanza di un mese non ho ancora perso i punti e l'alveolo risulta ancora aperto. è normale? domani per sicurezza provo a chiamare in clinica per chiedere spiegazioni

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa