Problema ginecologico o dell'intestino?

Salve Dottori vi scrivo perché non so quale possa essere il mio problema.

È da circa una settimana che la notte mi alzo perché avverto crampi nella zona pelvica e nell'utero e forti dolori al fianco sinistro... Premetto che il ciclo deve avvenire fine mese e ho già avuto problemi del genere ed ho anche effettuato una visita ginecologica... Ma fortunatamente il Dottore mi diede una cura per una leggera infezione.
Ora è tornato ma più forte di prima e credo che non sia un fattore ginecologico, il Dottore di famiglia mi prescrisse i probiotici ma nemmeno ho risolto niente.
Visto che c'è questo problema COVID19 ho pure paura di andare girando e ho pensato di scrivere qui con la speranza che mi possiate aiutare e a limite indirizzare verso qualcosa perché la notte non riesco proprio a dormire anche ora mentre scrivo ho delle leggere fitte al lato sinistro... Attendo una vostra risposta e vi ringrazio in anticipo per il servizio datomi...
[#1]
Dr. Giuseppe Christian De Sanctis Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Medico di continuità assistenziale, Biologo nutrizionista 344 22 6
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA:

Gentile ragazza,
comprenderà che senza una visita diretta ed obiettiva è un pò difficile darle delle indicazioni riguardo i suoi sintomi,che da come descrive,potrebbero interessare sia l'area ginecologica che quella gastroenterica!Non ci dice al riguardo se assume farmaci e quali,se l'alvo è regolare o meno ,se ha disturbi della minzione!Lei ha parlato di una pregressa infezione...si riferiva alle vie urinarie o altro?? E che cura ha adottato? Se non l'ha già eseguita,potrebbe effettuare un' ecografia sia ginecologica che all'addome (superiore e inferiore), per avere maggiori ragguagli in proposito!Se lei ritiene,come scrive,che si tratti di un problema ginecologico,mi pare ovvio consigliarle di tornare dal suo ginecologo di fiducia!Cordialmente!

dr. Giuseppe De Sanctis, Pescara
Specialista in Medicina Generale
Esperto in Omeopatia - Fitoterapia
Formazione in Nutrizione Clinica e Sportiva

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buona sera Dottore innanzitutto grazie mille per la risposta... Avete ragione non vi ho dato molte informazioni.... Attualmente non prendo nessun farmaco.. A parte integratori come L'ALOE vera e omega 3. Per la Regolarità intestinale diciamo non va proprio bene... Non vado molto regolare, una volta durante la minzione ho accusato un dolore pelvico forte... Ora ho spesso crampetti al lato sinistro... Il ginecologo mi diede ovuli interni una crema per il bruciore intimo e pillole per la candida... Ma comunque non ho risposto il problema.... Quindi non so che pensare... Se volete altre informazioni vi prego contattatemi grazie mille nel frattempo e grazie di cuore
[#3]
Dr. Giuseppe Christian De Sanctis Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Medico di continuità assistenziale, Biologo nutrizionista 344 22 6
Buongiorno a lei,
la candidosi genitale non sempre viene debellata al primo tentativo, a volte occorrono tempi più prolungati,inoltre è spesso recidivante se non si apportano misure generali oltre che terapeutiche,ad ogni conto non dà dolori a sinistra,in genere si ferma a disturbi locali( perdite,dolore, bruciore),pertanto resto dell'opinione che occorra una visita "live" ,ed eventualmente un eco addome e ginecologica! Ne parli col suo curante! I dolori al fianco sinistro possono avere varie cause( ginecologiche, urologiche, intestinali),non si possono diagnosticare online purtroppo! Da un primo acchito, da quel che dice,potrebbe trattarsi anche di un semplice Colon Irritabile ( anche in relazione al suo alvo irregolare), che cmq può recar fastidi ( i crampetti potrebbero dipendere da gas che comprimono le pareti intestinali) ,fastidi che tuttavia possono essere eliminati con un adeguato approccio terapeutico e alimentare!Cordialmente!

NB: IL CONSULTO ONLINE NON SOSTITUISCE LA VISITA MEDICA

dr. Giuseppe De Sanctis, Pescara
Specialista in Medicina Generale
Esperto in Omeopatia - Fitoterapia
Formazione in Nutrizione Clinica e Sportiva

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille Dottore per le sue imminenti risposte. Sicuramente prenderò in considerazione i suoi consigli e effettuerò sia un'altra visita ginecologica e sia un eco.... Per lo meno sto più tranquilla.... Vi ringrazio infinitamente.... Perché mi ha comunque tranquillizzato e indirizzato su come procedere
[#5]
Dr. Giuseppe Christian De Sanctis Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Medico di continuità assistenziale, Biologo nutrizionista 344 22 6
Di nulla,
spero di esserle stato di aiuto! Voti il consulto se le è di gradimento! Buon proseguimento di giornata!

dr. Giuseppe De Sanctis, Pescara
Specialista in Medicina Generale
Esperto in Omeopatia - Fitoterapia
Formazione in Nutrizione Clinica e Sportiva

[#6]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dottori, ho seguito il vostro consiglio e ho contattato il medico di base che mi ha prescritto spasmomen la mattina e la sera ho effettuato anche la vista ginecologica e fortunatamente non c'è niente.... Ma il dottore di base mi ha detto di assumere questo farmaco mattina e sera... Ma per quanto tempo..? E vedendo su internet si tratta di colon irritabile come si può curare? Io quando non assumeró più questo farmaco potrà ritornare il dolore? Che posso fare?
Grazie buona serata
[#7]
Dr. Giuseppe Christian De Sanctis Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Medico di continuità assistenziale, Biologo nutrizionista 344 22 6
Buongiorno,
la domanda ''per quanto tempo assumere tale farmaco'' ,penso sia opportuno rivolgerla a chi glielo ha prescritto, per il fatto che il collega (presumo) avrà effettuato anche visita clinica! Dal canto mio,ritengo che essendo lo Spasmomen solo un farmaco sintomatico ,non può essere assunto all'infinito ed è probabile che alcuni sintomi da lei riportati, si ripresentino alla cessazione dell'assunzione! Lei assume quello semplice o lo Spasmomen Somatico?? Suppongo il primo! Se il suo è un Colon Irritabile (ma è bene che tale diagnosi sia stabilita da un medico, dopo opportuna visita),occorre un percorso a 360 gradi con dieta opportuna e farmaci al bisogno...eventualmente anche integratori; un farmaco già lo stà assumendo, ma se sia il caso di integrarne altri non saprei, non potendola visitare di persona,in linea di massima direi di sì! Per il resto, già il fatto di avere escluso una patologia ginecologica, è di buon auspicio,anche se lei non riporta di esami strumentali aggiunti!Cordiali saluti!

dr. Giuseppe De Sanctis, Pescara
Specialista in Medicina Generale
Esperto in Omeopatia - Fitoterapia
Formazione in Nutrizione Clinica e Sportiva

[#8]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dottori grazie sempre della vostra disponibilità.... La visita non l'ho fatta di persona.... Il mio medico mi ha prescritto il farmaco in via telefonica.... E in base a ciò che io gli ho riportato.... E alla mia domanda per quanto tempo assumerlo.... Ha detto inizia a prenderlo e poi si vede... Prendo integratori ma per mia scelta (aloe vera, probiotici, omega3) faccio sport e l'alimentazione è abbastanza sana... Ci sono esami in particolare da fare per capire se soffro di colon irritabile o potrebbe non essere questo? Premetto che sono una persona molto ma molto ansiosa..

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa