Utente 141XXX
Gentile Dottore,
sono un ragazzo di 26 anni, in salute e sportivo. Desidero presentarle un problema che ho da almeno una decina di anni, iniziaalmente non ci ho fatto caso perche' era davvero raro e mi sembrava di poterlo ricondurre al freddo intenso.
Cerchero' si essere piu' preciso possibile.
Mi è capitato di rado di essere soggetto a fortissimi tremori incontrollabili con sensazione di gelo proveniente dall'interno. Il tremore in se dura solo pochi minuti, forse solo qualche decina di secondi, ma poi sono costretto a stare fermo al caldo anche per un paio d'ore e al minimo movimento il tremore riprende. Capitava un paio di volte all'anno. Ora si fa piu' frequente ma, conoscendone la sensazione, prima del suo manifestarsi riesco ad evitarlo muovendomi il piu' possibile, per intenderci come se stessi facendo un allenamento.
Quando mi capitano i tremori? a cosa posso ricondurli?
Credo di aver trovato un denomintore comune a queste esperienze.
Capitano spesso qualche ora dopo che ho fatto allenamento oppure quando sono molto stanco, ma SEMPRE avvengono dopo che sono stato a lungo fermo, quasi immobile; AL PRIMO MOVIMENTO che faccio sento un brivido fortissimo alla schiena, qualcosa smile a dei lievi crampi ai muscli principali (cosce, dorso, fascia lombare) e poi cominciano delle convulsioni fotissime incontrollate, sensazione di vuoto dentro e completa impossibiltà di controllo. E' successo solo 2 volte questa estate quando, sempre a distanza di qualche ora dall'aver fatto allenamento e dopo essere stato a lungo seduto in gelateria all'aperto, al momento di alzarsi ho avvertito brividi strani come sopra descritto e poco dopo sono cominciati i tremori.
Mi è anche successo alcune volte di svegliarmi la notte in preda a convulsioni di questo tipo.
Non riesco a credere che cio' sia dovuto al solo freddo (il gelo dentro è la sensazione che avverto, molto maggiore di quello che dovrei sentire stando a temperatura esterna e abbigliamento) perchè spesso sono molto vestito e la sensazione parte da dentro. Temo una forte componente psicologica. Ora TEMO tantissimo questa cosa e ne sono sicuramente condizionato. So che lo temo, lo temo quando sono da solo, lo temo la sera (memoria inconscia?.
Queste convolsioni mi sembrano esattamente le stesse che ho avvertito forse 3, 4 volte nella mia vita prima di febbri accompagnate da temperatura molto alta.
Ho misurato battiti e pressione dopo alcuni attacchi. 55/60 battiti, pressione 140 su 75 quindo credo sia tutto regolare. Sono donatore avis ed ho i valori sempre a posto.
Dove posso indirizzare le indagini? muscoli che si comportano in modo "strao" dopo lo sforzo? carenze di qualche sostanza dovuta all'attività sportiva? il tutto corroborato da stress e tensione anche muscolare?
Mi scuso per essermi dilungato cosi' tanto ma è la prima volta che ne parlo ed ho voluto essere il piu' chiaro possibile.
Grazie infinite per il tempo che mi dedicherete.

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, le sue analisi del sangue sono buone, come donatore le avrà sicuramente eseguite diverse volte. Può completarle con ormoni tiroidei, ves, pcr. Per quanto riguarda i tremori e quella sensazione di freddo, sarebbe utile se esse sono accompagnate anche da attimi di "assenze", magari qualche suo amico o parente lo ha notato. Ha problemi anche alla vista? Ha mai avuto problemi di mancanza di forza muscolare ad un arto? Che intende come "memoria inconscia"? Perchè "teme" ci sia una forte componente psicologica?
Cordiali saluti.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it

[#2] dopo  
Utente 141XXX

Gentile Dottore,
no, i tremori non sono accompagnati da attimi di smarrimento e non ho mancanze di forza ad un arto o problemi collaterali.
Per memoria inconscia intendo che riconosco bene i primi sintomi che dopo sfoceranno nella convulsione. Essendo una sensazione davvero insopportabile temo questa condizione e alcune volte sono eccessivamente attento ai "campanelli d'allarme" e temo di condizionare le mie percezioni.
Dopo parecchi precedenti di questo tipo riconosco gli "allert" molto spesso dopo aver fatto allenamenti pesanti quando mi fermo ad esempio in divano dopo cena o comunque dopo aver mangiato qualcosa. Capitava molto spesso anche quando mi coricavo a letto dopo aver mangiato cose per le quali dopo ho scoperto di avere intolleranze (latticini).A letto, fermo, dopo dolori di stomaco cominciavano le convulsioni. Penso di poterle ricondurre allo stomaco perche' da la partivano e, soprattutto, passvano dopo una bevanda calda e successivi segnali di digestione. Sono 2 situazioni totalmente diverse che mi danno gli stessi problemi. Non riuscire a trovare nessuna connessione alle due situazioni è quello che mi fa temere di essere solo fortemente condizionato da me stesso.
Ringrazio infinitamente per il tempo che mi sta dedicando.

[#3] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, ha provato con una prova da sforzo sotto controllo medico, monitorizzando la presione arteriosa e la frequenza cardiaca?
Potrebbe eseguire dei dosaggi ormonali completi.Se sono frequenti queste convulsioni, dovrebbe eseguire anche un EEG e naturalmente una visita neurologica più approfondita.Cordiali saluti
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it