Utente 261XXX
salve a tutti,
ringrazio anticipatamente per l'attenzione. Da 10 anni soffro di reflusso gastro esofageo causato da ernia iatale, e da circa 10 mesi accuso sintomi che il medico di famiglia attribuisce a stress e mi dice di non preoccuparmi.
In pratica spesse volte accuso dei colpetti al petto, a volte seguiti da leggero senso di vertigine. Non riesco ad capire se possano essere associati alla respirazione o meno.
A volte questo strano sintomo si manifesta come se mi venisse aria dallo stomaco. Dopo i pasti la zona addominale è gonfia, a volte più a volte meno, indipendemente da cosa mangio. E molto spesso ho dolori all'altezza dell'ombelico se esercito leggera pressione sulla zona, specie quando mi sento molto gonfio.

Inoltre, non so se attinente a quanto detto precedentemente, ho disturbi della vista. Sono ipermetrope, ma la vista mi si annebbia e metto a fuoco con molta difficolta, come se avessi della carta lucida davanti gli occhi.

Faccio presente che lo scorso anno ho fatto una lastra addominale che non evidenziava problemi, e le analisi del sangue sono a posto tranne che per problemi di colesterolo e trigliceridi, nonché transaminasi, per le quali non ho avuto pescrizioni di cure.

Sarei grato a chiunque potessi suggerirmi come poter verificare queste problematiche che mi affliggono.

Grazie per l'interessamento

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

premesso che i disturbi alla vista non sono collegati a quelli digestivi, direi che il suo problema è legato ad una cattiva digestione con distensione gastrica da aerofagia. Per ridurre la distensione gastrica potrebbe assumere dei prodotti a base di simeticone appena dopo i pasti. Ovviamente se il disturbo dovesse persistere ne riparli con il suo medico.A completamento le invio un articolo di interesse per tramite il seguente link:

https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/990-peso-stomaco-cattiva-digestione.html

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 261XXX

Grazie Dott. Cosentino per la risposta.
Seguirò il suo consiglio riguardo la cura. Nella mia prima richiesta non ho menzionato il fatto che prendo il lucen circa 3 volte a settimana per il reflusso gastrico.

Ho letto l'articolo e vorrei chiederle se secondo lei è opportuno che mi sottoponga a gastroscopia, anche per valutare lo stato dell'ernia jatale di cui soffro, considerando che l'ultimo esame l'ho fatto più di 5 anni fa.

Inoltre le faccio presente che al massimo due anni fa mi sono sottoposto all'esame per la verifica di presenza di sangue occulto nelle feci, e ha dato esito negativo.

La ringrazio per l'attenzione e le invio i più cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La modalità di assunzione ( 3 volte la settimana) dell'esomeprazolo non è corretta. Conviene, se ci sono i disturbi correlati alla secrezione acido-gastrica, assumere il farmaco per un ciclo di 6-8 settimane e poi interrompere. Se alla fine del ciclo i disturbi, di cui fa riferimento, dovessero persistere, allora è indicata la gastroscopia.

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it