Utente 128XXX
Buongiorno!! Voglio esporvi il mio problema.
Qualche mese fa, la mia ragazza ha prenotato una visita ginecologica da una dottoressa. Ha pagato la somma di 120 euro per una visita ( tra l'altro, è entrata un'ora dopo l'appuntamento ). La dottoressa ha eseguito una visita ginecologica e prescritto degli esami del sangue per vedere se la mia ragazza poteva o meno prendere la pillola. Qualche mese piu tardi, la mia fidanzata ha accusato dei bruciori, cosi ha deciso di chiamare la ginecologa, la quale, per telefono, senza neanche lasciarla finire di esporre il problema ha subito diagnosticato una vaginite e dei farmaci da prendere. Oggi la mia ragazza si è rivolta a un'altro ginecologo sempre per una visita ginecologica e per il pap-test. Ebbene, è emerso che non ha segni di vaginite ( questi bruciori che accusava sono tornati piu volte, tra cui due settimane fa ), che i farmaci a lei prescritti servono a curare altre problematiche ( se non sbaglio ha parlato di funghi ) e infine che gli esami del sangue che le sono stati assegnati erano inutili per vedere la compatibilità con la pillola, in poche parole ha fatto la maggior parte degli esami per niente. Inoltre, la prima ginecologa si è dimostrata totalmente indisponente nei confronti della mia ragazza ogniqualvolta avesse provato a chiamarla o a chiedere consulti. Io una dottoressa del genere non la considero una buona dottoressa, per tutti questi fattori, e vorrei sapere se è possibile segnalare tutto ciò a qualcuno di competente, mi rivolgo a voi al fine di sapere a chi segnalare il quanto. Spero di essere stato chiaro e vi ringrazio per una eventuale risposta! Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

non mi precisa se la ginecologa lavora in una struttura pubblica o privata.
Se Lei ritiene che quella dottoressa non abbia avuto un comportamento deontologico nei confronti della sua ragazza, può rivolgere le sue lamentele all'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) della struttura.
Se la struttura non avesse tale ufficio, può sempre reclamare presso la direzione sanitaria.
Ovviamente, è necessario che adduca ogni documentazione idonea a comprovare quanto da lei sostenuto di scorretto.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 128XXX

La ringrazio per la risposta! Dunque la dottoressa lavora in una struttura privata. Dove dovrei rivolgermi??

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
può sempre reclamare presso la direzione sanitaria.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 128XXX

Perfetto.. sarà fatto!La ringrazio e mi scuso per il disturbo!Buona giornata!