Utente 112XXX
salve a tutti i medici volevo chiedere informazioni riguardo al risarcimento danni , il 02/12/2008 ho avuto un infortunio sul lavoro io sono un operaio comune in una azienda di trivellazione,ho avuto una frattura al 2,3,4 metacarpo mano sx scomposta operata e con l'inserimento di osteosintesi in metallo ,l'inail mi ha riconosciuto un invalidità del 16% ,e una quota mensile di 160,00 euro adesso da 5 mesi sono in malattia e alla scadenza dei 6 mesi l'azienda dice che mi licenzia per chiusura cantiere ,posso chiedere un risarcimento danni alla ditta avendo avuto dall'inail questo indennizzo in rendita? vi ringrazio in anticipo cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

se l'infortunio è avvenuto per responsabilità del datore di lavoro, cioè per inosservanza alle regole di sicurezza sul lavoro, può chiedere un risarcimento del danno.
Per l'iter, può scrivere direttamente al suo datore di lavoro (lettera raccomandata AR), il quale certamente provvederà a inoltrare la denuncia del risarcimento alla sua compagnia assicurativa.
In alternativa o se la questione andasse per le lunghe, può rivolgersi ad un avvocato.

La valutazione del danno in sede di risarcimento civile può essere diversa da quella fatta dall'INAIL; perciò, le suggerisco di farsi fare un parere da un medico specialista in medicina legale.

Deve anche sapere che l'INAIL potrebbe effettuare una rivalsa, ovvero recuperare la somma esborsata per l'indennizzo; perciò, a lei resterebbe la differenza tra la somma dovuta al risarcimento e quella ricevuta dall'INAIL.

infortunio inail
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=89894
http://www.medico-legale.it/infortunio_inail.html

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 112XXX

dr.mario corcelli salve grazie per l'immediata risposta e mi scuso per il mio ritardo nel ringraziarla vorrei chiederle un parere ,quando abbiamo fatto la denuncia scritta del infortunio ,il mio datore di lavoro ha modificato i fatti in pratica ha scritto che io mantenendo un tubo di 3 metri per 60 kg indietreggiando sono (inciampato e sono caduto) invece la verita e che indietreggiando vi era a terra un buco scavato da noi e ci ho messo il piede dentro chiaramente di spalle nn riuscivo a vederlo ,secondo lei si può cambiare la deposizione fatta e da me firmata ? poi un altra cosa l'incidente è avvenuto il 2/12/2008 e invece è stato dichiarato il giorno dopo , come dovrei comportarmi? cosa posso fare? la ringrazio infinitamente per la sua attenzione le auguro buona giornata cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
per i problemi di responsabilità del datore di lavoro, deve sentire un avvocato

sulla data esatta del fatto, non mi soffermerei gran che, l'importante è che il fatto non sia negato; se è andato in ospedale lo stesso giorno, quella è una prova documentale concreta.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it