Utente 223XXX
Salve... Se un soggetto è in terapia con acido valproico, ben tollerata e priva di effetti collaterali a livello di attenzione, riflessi ecc, e commette un grave incidente stradale, viene considerato sotto l'effetto di sostanze psicotrope??? L'assicurazione può esercitare diritto di rivalsa??
Altra domanda: come fanno le Autorità a risalire all'assunzione di tale farmaco da parte del soggetto???

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

L'acido valproico presenta le seguenti caratteristiche, quali effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine: <All’inizio del trattamento, se il farmaco viene assunto in dosi maggiori o in associazione con principi attivi ad azione centrale, possono verificarsi effetti sul sistema nervoso centrale, per esempio sonnolenza e confusione, che possono alterare i riflessi in modo tale che la capacità di guidare un veicolo, usare macchinari o svolgere attività associate a rischio di caduta o incidente sia compromessa indipendentemente dalla malattia di base. Questo effetto è più pronunciato dalla contemporanea assunzione di alcol.>

Tutti gli stabilizzatori dell'umore (litio, acido valproico e carbamazepina) sono facilmente misurabili nel sangue, per cui non sfuggirebbero all'esame tossicologico effettuabile sui conducenti coinvolti in sinistro stradale.

Certamente le Compagnie di Assicurazione verificherebbero se il soggetto in terapia con acido valproico ha rinnovato la patente dichiarando l'assunzione del farmaco, e se pure la patologia che ha determinato l'assunzione del farmaco è stata dichiarata e considerata ai fini dell'idoneità alla guida.
In caso contrario, a mio parere la copertura assicurativa potrebbe non risultare valida.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 223XXX

Ok, grazie mille per la risposta... Nel caso in cui, invece, al momento del rinnovo della patente il soggetto non fosse stato in terapia, ma avesse iniziato tale assunzione in un momento successivo al rinnovo, le cose come stanno??

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

in quel caso al soggetto, che assume coscientemente il farmaco [nel foglio di istruzioni dell'acido valproico sono esplicitamente riportati i possibili effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine], potrebbe essere contestata la colpa di essersi posto alla guida di un veicolo pur facendo uso di un medicinale che potenzialmente influisce sulla sicurezza della guida.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 223XXX

Ok grazie, Distinti saluti