Utente 298XXX
Salve,

vorrei arruolarmi nel VFP1 (volontario in ferma annuale), nelle forze armate. Vorrei capire, se secondo voi, può essere un problema per l'arruolamento (quindi la possibile respinta della domanda) l'assunzione di Sertralina (antidepressivi) 100 mg al giorno. Vi chiedo questo perchè, per sentito dire, sembra che sia difficile passare la visita psicologica/psichiatrica e, con questo tipo di assunzione farmacologica, essere quindi giudicato inidoneo.

Per esempio, in questo periodo sto cercando di prendere il porto d'armi per uso sportivo ma il medico legale della mia Asl ha respinto la richiesta. Farò, come consigliatomi da ''loro'', ricorso alla sede centrale della ASL, ma non mi hanno ovviamente assicurato niente. Vorrei sapere, in attesa di fare la visita presso la commissione dei medici legali, se secondo voi anche qui sussisterebbero dei motivi di inidoneità per il rilascio del certificato medico legale.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
per la domanda di arruolamento nell'esercito (VFP1) non è prevista una certificazione medico-legale, bensì i concorrenti, prima dell’inoltro della domanda di partecipazione, debbono ottenere un certificato medico attestante l’idoneità all’attività sportiva agonistica di tipo B, rilasciato – in data non anteriore a 6 mesi precedenti la data di scadenza del termine per la presentazione delle domande per ciascun blocco – da un medico appartenente alla Federazione Medico-Sportiva Italiana ovvero a struttura sanitaria pubblica o privata accreditata con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e che esercita in tali ambiti in qualità di medico specializzato in Medicina dello Sport.
Di tale certificato debbono predisporre la copia per immagine (file in formato PDF), da allegare alla domanda di partecipazione.

In una fase successiva della selezione è poi prevista l'esibizione di un certificato del medico di fiducia:
http://www.difesa.it/Segretario-SGD-DNA/DG/PERSOMIL/Concorsi/Concorsi96/Documents/VFP1_EI_2014/VFP1_EI_2014_All_B_cert_med.pdf
Tale certificazione riporta fra le altre una voce, che riguarda l'uso di sostanze psicotrope: certamente il Suo medico di fiducia non potrà fare a meno di riportare la citata assunzione di Sertralina quale terapia in atto.
In tale sede saranno i Medici Legali Militari a valutare se e quanto tale dato può pregiudicare il profilo sanitario del candidato nei riguardi dell'idoneità psico-fisica al servizio militare.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 298XXX

G.le dottore,

il porto d'armi per uso sportivo lo sto prendendo solamente per avere un maggior punteggio nella graduatoria VFP1. E' per questo che lo prendo prima.

Inoltre vorrei chiederLe se nel caso prensentassi la domanda di arruolamento a luglio e, (probabilmente) non prendendo più sertralina, sarebbe proprio necessario barrare nella voce (del certificato anamnestico) ''uso di sostanze psicotrope'' pregresso? Eventualmente attraverso le analisi del sangue o urine (o altro tipo), è possibile risalire all'assunzione di sertralina in passato? E se l'assunzione è in corso è possibile rilevarne la presenza nel corpo?
Le faccio questo tipo di domande perchè, come penso possa immaginare, tengo molto a superare le varie visite mediche, soprattutto per il fatto che non potrò più riprovare tra qualche mese perchè non avrò più l'età per arruolarmi.

La ringrazio molto per la Sua disponibilità.

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

per il medico curante è necessario fornire nel certificato anamnestico informazioni veritiere, in quanto altrimenti commetterebbe illecito penale.

Tenga presente che l'uso pregresso di farmaci può essere facilmente rilevato tramite le prescrizioni (che vengono registrate presso le Aziende USL), oppure dai dati sanitari delle prestazioni ambulatoriali.

L'assunzione di sertralina in atto può inoltre essere rilevata mediante esame tossicologico (sangue).

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]