Utente 280XXX
Buongiorno,sono una donna di 44 anni affetta da circa 3 da cefalea cronica ,sono stata ricoverata per la disintossicazione da sintomatici ( triptani ) e sulle dimissioni del ricovero c'è scritto che soffro di depressione maggiore e cefalea cronica ;la terapia per l'emicrania è : topamax e efexor come preventivi piu' due sintomatici da alternare ,successivamente il mio medico curante mi ha inviata presso l'ASL per avere il riconoscimento dell'invalidita' civile e qui' mi è stato detto che verro' chiamata per la revisione della patente ...la domanda é: rischio che mi si ritiri la patente ? se si a causa dei farmaci preventivi o perche' secondo loro sono depressa? Avevo un probblema e adesso ne avro' due ?
Grazie infinite

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

come già risposto in altro analogo consulto, è attualmente possibile che, in caso di riconoscimento di invalidità civile con infermità che possono compromettere la sicurezza nella guida dei veicoli (ad esempio, la Depressione Maggiore), venga inoltrata segnalazione al Prefetto, che potrebbe disporre la revisione della patente, al fine di accertare la sussistenza dei requisiti psicofisici per l'idoneità alla guida.
Se i requisiti non sussistono, la patente di guida viene revocata, e ciò sia per tutelare sia l'incolumità del guidatore, sia per garantire la sicurezza della circolazione stradale.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 280XXX

Buongiorno dottore innanzi tutto grazie per la disponibilita' e la risposta veloce ,in effetti avevo letto quel consulto ,solo che non mi è ben chiaro in che cosa consiste la revisione della patente ,è una visita medica o cosa ? e se a questa revisione ci andassi con un certificato medico legale che dice che nn c'è depressione viene tenuto in considerazione o non è possibile portare nuova documentazione piu' recente ?
Eventualmente la revoca della patente in cosa consiste ? viene tolta per sempre ? o si puo' riavere ? se si ,come ?
Grazie infinite

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

nell'ordine:
1. è un accertamento sanitario effettuato presso la Commissione Medica Locale dell'ASL competente.

2.il certificato verrà considerato, ma non esclude ulteriori accertamenti (se la depressione sussiste ai fini dell'invalidità, non vedo come non possa sussistere ai fini della idoneità alla guida)

3.gli accertamenti specialistici sono diposti dalla Commissione

4.con la revoca della patente, come dice il termine, viene tolta l'autorizzazione alla guida dei veicoli per i quali la patente abilitava alla guida

5.dopo la revoca della patente, per ottenere una nuova patente bisogna sostenere nuovamente l'esame di idoneità alla guida.

6.per sostenere nuovamente l'esame di idoneità alla guida, è necessario essere idonei dal punto di vista psico-fisico.

7.la patente può anche, a giudizio della Commissione, essere sospesa per un periodo più o meno lungo, con necessità di accertamenti sanitari alla scadenza.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 280XXX

Gentilissimo dott. Mascotti ,il probblema è priopio questo : la depressione non sussiste !! io ero ricoverata per cefalea e in seguito ad un unico colloquio con la psicologa dell'ospedale mi è stato appioppata questa patologia che in seguito ho saputo essere gravissima ,non mi è mai interessato avere una qualche invalidita' per depressione e ho fatto la domanda solo in quanto l'emicrania nella mia regione è riconosciuta,purtroppo sul certificato c'era scritto anche depressione ....secondo lei come posso chiarire la cosa almeno in sede di commissione patenti?
grazie infinite
Distinti saluti

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

quanto Lei riferisce denoterebbe grande superficialità da parte dell'Ospedale, del medico di medicina generale e della Commissione per l'accertamento dell'invalidità civile: una diagnosi che non sussiste non può essere inclusa nelle infermità che configurano un'invalidità permanente!

Quando e se verrà disposta la revisione della patente di guida, richieda alla Commissione Medica Locale di disporre un accertamento specialistico che possa stabilire se la Depressione Maggiore non sussiste.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#6] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
mi permetto di darLe un suggerimento, avendo una certa esperienza in ambito medico-legale come consulente.
Se Lei fa istanza per il riconoscimento di invalidità, la patologia da accertare quale sarebbe? Mi par di capire la Depressione Maggiore.
Se Lei ritiene cha la diagnosi fu superficiale e quindi inesistente, perchè dovrebbe chiedere l'invalidità?

Inoltre, se quella diagnosi può nuocerLa da altri punti di vista, si sottoponga ad accertamenti in tal senso presso la Psichiatria di un Centro Ospedaliero Pubblico.
Se tale accertamento esclude la Depressione Maggiore, nel documento o relazione, lo Psichiatra deve precisare e motivare l'errore diagnostico formulato nell'altra Struttura.

Con cordialità
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#7] dopo  
Utente 280XXX

Gentilissimi dottori ,io non ho mai inteso chiedere l'invalidita' per depressione maggiore bensi' per cefalea,la diagnosi di depressione era riportata sulla lettera di dimissioni del centro cefalee e non l'avevo presa nemmeno in considerazione ne io ne' il mio curante che non mi ha mai messa in cura per questa patolgia e non sapevo nemmeno bene cosa fosse o che desse un'invalidita' ......pero' il mio medico curante nel farmi il certificato per richiedere l'invalidita' per cefalea ha copiato tutto cio' che c'era scritto nella lettera di dimissioni ...ho realizzato di cosa si trattasse solo di fronte alla commissione medica per l'invalidita' vedendo l'importanza che davano alla cosa ,ma non mi è stata fatta da essi alcuna domanda se no avrei cercato di chiarire subito l'equivoco ...tornata a casa mi sono informata e a quel punto spaventata e anche offfesa della patologia gravissima che con tale leggerezza mi è stata attribuita....
la diagnosi in ospedale mi è stata fatta da una psicologa nell'arco di un solo colloquio cosa che ritengo piu' che superficiale per diagnosticare una patologia del genere

io sono una persona con un umore piu' che buono e stabile e disposta a sottopormi a qualsiasi cosa o visita per dimostrarlo

pcome posso uscire da questo equivoco assurdo ?
prendero' sicuramente un appuntamento per fare una visita all'asl ancora prima di essere chiamata dalla commissione patenti ,a questo proposito vi chiedo : meglio farmi visitare da uno psicologo o da uno psichiatra ? ( la diagnosi in ospedale mi è stata fatta da una psicologa )
la visita per invalidita' è stata il 5 dicembre ,quanto tempo in media puo' passare per essere chiamata alla visita per la patente ?
in quella sede mi lascieranno parlare e spiegarmi e guarderanno la documentazione specialistica che portero' o rischio di rimanere inchiodata per la vita a un giudizio dato superficialmente ?
grazie infinite per l'attenzione

[#8] dopo  
Utente 280XXX

ps : trovandomi al momento in malattia posso eventualmente uscire per effettuare la visita dallo psichiatra o psicologo facendomi fare un certificato di giustifica dallo specialista anche se la motivazione della malattia è un 'altra ? preciso che lavoro per un ente pubblico
grazie
distinti saluti