Utente 264XXX
salve ,circa tre anni fa mi hanno riconosciuto l'inabilità lavorativa inps al 100% ora a distanza di tre anni mi richiamano a visita di rinnovo presso l'inps, chiedevo se può essere utile inserire nella documentazione da consegnare oltre alle patologie già riconosciute nella prima visita anche un problema alla schiena zona lombosacrale che mi reca molto dolore e vari problemi di mobilità RM lombosacrale specifica :
il canale vertebrale è ampio.ridotta la fisiologica lordosi.alterazione del segnale ed in parte anche riduzione di spessore su base degenerativa del disco L5-S1,a quest'ultimo livello si evidenzia inoltre una piccola ernia discale sottolegamentosa posteriore mediana.limitata protusione intraforaminiale sinistra del disco L2-L3.sono presenti modificazioni artrosiche di grado nn elevato delle articolazioni intrapofisarie nel tratto lombare piu caudale

avrei anche un altro problema al piede dx che mi si gonfia e fa male quando resto molte ore in piedi e ci cammino sopra per qualche ora ecografia piede dx: nn sono apprezzabili lesioni tendinee e legamentose ,tendinosi dei peronieri lungo e breve e del flessore comune delle dita .regolare morfologia ed ecostruttura del tendine achilleo.minute calcificazioni sono visibili in sede perimalleolare mediale e laterale.nn versamento periarticolare.

chiedo gentilmente consiglio se conviene portare in commssione anche queste due certificazioni del piede e della schiena o rimangono ininfluenti per la valutazione del rinnovo dell'inabilità lavoratia inps,a me recano nn pochi problemi ,la schiena mi fa quasi sempre male e mi limita nei movimenti e il piede si gonfia spesso dopo una camminata e tende a bloccarsi nel movimento ,questa considerazione di portare altre certificazioni all'attezione della commissione mi viene per la paura che nn mi possano riconfermare l'inabilità che è vitale nello stao di salute in cui mi trovo attualmente.grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

a mio parere è utile che in sede di visita di revisione INPS venga esibito ed allegato in copia qualsiasi referto o certificato che sia necessario per stabilire l'eventuale stato di inabilità/invalidità.

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 264XXX

salve, la ringrazio per la sua gentile attenzione ,avrei queste tre cose da chiederle....
1)per dimostrare la gravità della patologia nel caso della schiena è sufficente una lastra in RM dove si evidenzia l'ernia o meglio anche una relazione di un ortopedico o neurologo che spieghi bene i sintomi e le problematiche fisiche che avverte il paziente,
2)in sede di visita medica inps quale data massima possano avere le certificazioni per essere prese in considerazione ,tipo 5 mesi dalla data di rilascio vengono accettati o vogliono certificazioni più recenti massimo 30 giorni dal rilascio,
3)in ultimo le chiedo se è prassi che l'inps in sede di revisione della pensione può anche nn chiamare la persona a visita xchè attinge già dal sistema informatico e a richiesta le cartelle mediche del soggetto e se ritenendole sufficienti per la valutazione nn chiama il soggetto ma riconferma la pensione di invaldità ritenendo sufficienti le infomazioni in suo possesso, tante grazie

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente:

1.oltre l'esame strumentale refertato, è opportuno documentare con certificazione specialistica la limitazione funzionale che deriva da quanto mostrato dalle immagini RM.

2.tutte le certificazioni vengono prese in considerazione, relativamente alla loro importanza nel documentare un'infermità e la sua evoluzione nel tempo.

3.tale prassi non mi risulta.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]