Utente 297XXX
Salve, sono un ragazzo di 29 anni e mi sto preparando per presentare una domanda di invalidità civile. Nella relazione del mio medico di base c'è scritto: Anamnesi: Monorene sx congenito, asma bronchiale allergico, ipertensione nefrovascolare, trait talassemico, noduli tiroidei con eutiroidismo. Obiettività: dolore al rachide lombare, bacino e sacro associato a crampi ai glutei e ai muscoli delle gambe, clinicamente rachide rigido in toto e dolorante con impotenza funzionale. RM protrusioni discali multiple da c4 a c7 e bulging discale l4-l5. DIAGNOSI: Spondiloartrite associata a IBD. Gli esami eseguiti evidenziano interessamento dell'ultima ansa ileale con estensione di circa 2,5 cm, compatibile con malattia di crohn del tenue (RMN addome marzo 2013). Alla colonscopia (29-03-2013) non segni di rilievo. Alla biopsia solo focale accumulo di collagene subepiteliale. Quanta speranza ho di poter ottenere una percentuale alta di invalidità e la legge 104 per handicap? Io non riesco più a svolgere il mio lavoro (operatore socio sanitario), non riesco ad effettuare le normali attività di vita e non riesco a dormire e riposare. Ho continuamente dolore (sia addominale che cervicale, sacrale e al bacino). Ho continuamente lo stimolo di evacuare associato a forti crampi addominali, ho perso 20 kg e nonostante sono in terapia con farmaco biologico (HUMIRA), non noto particolari miglioramenti sia per quel che riguarda l'ambito reumatologico, che l'ambito intestinale. La spondiloartrite anchilosante non è del tutto ancora confermata. Sono spesso iperteso e tachicardico e non riuscendo a dormire, ultimamente, sto cadendo in depressione. Penso di avere bisogno almeno di una agevolazione lavorativa...

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

Può presentare la domanda per un possibile riconoscimento di una invalidità minima, inoltre a mio parere non ha diritto alla L. 104 in situazione di gravità (art.3 comma 3).

Completi gli accertamenti per la definizione della spondilite anchilosante.

Per la problematica lavorativa, provi a parlare con il medico competente aziendale per eventuali limitazioni.

cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona