Utente 362XXX
Sono stata operata ad ottobre di prolasso della mucosa emorroidaria ( metodo Villani), ma dopo un mese dal'intervento, quando mi era stato detto che avrei potuto riprendere l'attività lavorativa, avevo ancora dolori abbastanza forti e difficoltà a camminare. Da una visita presso un centro specializzato è emerso che sono stati " toccati i nervi" e il "nervo conduce male", questo è quanto mi ha detto il proctologo che mi sta seguendo e che inizialmente mi ha dato una cura a base di cortisone e ora mi sta sottoponendo a sedute di elettrostimolazione per riabilitare il nervo. Il danno, a mio avviso è piuttosto importante, perchè dopo 5 mesi dall'intervento io non riesco ancora a camminare.
Sono costretta a sottopormi a cure pittosto costose con spostamenti frequenti dalla mia città per recarmi nel centro per le cure e devo essere accompagnata. Non posso ovviamente lavorare e attualmente non percepisco alcun stipendio. Sono docente precaria e per i docenti precari sono previsti tre mesi di malattia postintervento con un mese di stipendo completo e due con metà stipendio, poi la sospensione dello stipendio. Io non so se quest'anno potrò riprendere l'insegnamento, il medico che mi sta seguendo è molto prudente e mi dice che le tempistiche sono lunghe, ed efettivamente i miglioramenti sono piuttosto lenti. Ovviamente ho subito un danno incalcolabile, vorrei perciò sapere se è possibile avere un risarcimento e come si procede in questi casi.

Grazie




[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
20% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Buongiorno, trattasi di caso complesso, Le suggerisco di rivolgersi ad altro specialista chirurgo , anche di altra provincia, per avere un parere sul tipo di intervento eseguito e sulla sua situazione attuale e se ci sono elementi che depongono per una eventuale responsabilità professionale e chieda anche una relazione dettagliata, successivamente si rivolga ad un medico legale per una perizia di parte per inoltrare una richiesta di risarcimento del danno biologico all'Ospedale ove si è operato. Nel frattempo presenti anche la domanda d'invalidità civile e di Legge 104 all'INPS per un eventuale riconoscimento che potrebbe essere utile.

Saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona