Utente 159XXX
Ho 47 anni donna. L'anno scorso ho fatto domanda per l'invalidità civile, me l'aveva detto il mio medico di farla perchè avevo molti problemi di salute.
Con i miei problemi ci sono periodi che sto un pò meglio e altri peggio ma sono cronici. L'invalidità che mi hanno dato era il 50 % per sordità medio grave e disturbi neurologici. L'anno scorso dopo la visita per l'invalidità, ho fatto TAC alla cervicale per capire la causa delle mie vertigini che mi facevano cadere, e dalla cervicale sono usciti tre cose. Ho chiesto al mio medico se rifaccio la domanda se con l'esito della TAC fanno qualcosa,ma lui dice di no che anche ad altre persone non la danno la pensione di invalidità. Dai problemi che ho ho quasi sempre bisogno di qualcuno vicino.
In autunno volevo riprovare a fare la domanda ma non vorrei spendere soldi inutilmente per il certificato medico visto che sono di famiglia con reddito basso. Io faccio la casalinga e ero disoccupata. Con i problemi che ho non riesco nemmeno ad uscire di casa e ho problemi a camminare anche a casa.Sto quasi sempre a letto o seduta per paura delle vertigini e malesseri vari. Non riesco nemmeno ad andare dal medico o a fare visite a causa dell'ansia e panico nei luoghi e nel vedere le persone.
Per colpa dell'ansia,depressione,agorofobia e cervicale sto passando l'estate in casa. L'anno scorso è accaduto che il giorno che dovevo fare la visita stavo abbastanza bene,capita così che per un giorno o due sto bene e tutti gli altri sto male. A me interessa se ricevessi la pensione perchè non posso fare quasi niente, e in famiglia abbiamo reddito basso e arriviamo solo a metà mese.
Qualcuno dice che ci vogliono le persone adatte a fare la domanda, altri dicono che dovrei stare in ospedale e farmi fare le carte, ma io in ospedale non riuscirei mai a stare a causa del panico.
I problemi principali sono le vertigini con caduta che possono venire all'improvviso,ansia e fobia ad uscire, difficoltà a camminare a causa del panico e della cervicale, Non riesco a stare nemmeno nel balcone o seduta a mangiare a tavola, ma solo dove mi sento sicura.Ho paura di veder ele eprsone anche i miei parenti perchè mi fanno venire l'ansia.Sono in cura ma i disturbi sono cronici..
Le patologie che ho:
Ansia,depressione,fobia di uscire e fobia delle persone e panico.
Alla cervicale: Protusione,moderata artrosi e piccola ernia.
Vertigini con caduta, vertigini soggettive e oggettive.
Vertigini parossistiche posizionali.
Cefalee tensive e da cervicale
Sciatica e artrosi anca moderata
Allergie ai pollini e altre cose e asma.
Sindrome premestruale
Insonnia cronica.
Metereopatia
Cardias irregolare
colon irritabile
dispepsia


Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

a mio parere dovrebbe in primo luogo andare dagli specialisti e seguire delle terapie indicate alle sue patologie. In ogni caso, come già le ha detto il suo medico, ad oggi è inutile presentare la domanda di aggravamento.

cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona