Utente 379XXX
Buongiorno, scusatemi in anticipo per il disturbo ma avrei bisogno di un chiarimento. Nel 2012 ho fatto domanda d'invalidità per varie patologie e mi hanno dato il 67% quest'anno ho fatto l'aggravamento per poter riuscire ad avere gli apparecchi acustici. Quando alla visita mi hanno detto che ne avevo già diritto nel 2012 io gli ho risposto che non lo sapevo. All'arrivo del risultato della seduta la percentuale è diventata del 60% guardando i fogli ho notato che non mi hanno messo il codice 6454 che era presente nel 2012. Ho fatto una ricerca e quel codice corrisponde a gastrite. Io ho ernia jatale con esofagite da reflusso. Ma non è stata mensionata nella seduta 2016 e niente codice. La mia domanda è: È stata una svista oppure sono cambiati i parametri e l'ernia non è più considerata invalidante? Posso fare ricorso oppure aspetto un anno e rifaccio la domanda di aggravamento? Grazie cordiali saluti Irene

[#1] dopo  
Prof. Pietro Rinella

24% attività
4% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Al codice 6454 è prevista la valutazione di un'ulcera peptica in prima classe paria a 10 ovvero non valutabile (le patologie valutate da a 10 non sono valutabili fatto salvo se concorrenti.
Al codice 6455 troviamo ulcera peptica in seconda classe (valutazione 21-30).
Vanno valutati i seguenti parametri I CLASSE - la malattia determina alterazioni lievi della funzione tali da provocare disturbi dolorosi saltuari, trattamento medicamentoso non continuativo e stabilizzazione del peso corporeo convenzionale (rilevato dalle tabelle facenti riferimento al sesso ed alla statura) su valori ottimali. In caso di trattamento chirurgico non debbono essere residuati disturbi funzionali o disordini del transito.

II CLASSE - la malattia determina alterazioni funzionali causa di disturbi dolorosi non continui, trattamento medicamentoso non continuativo, perdita del peso sino al 10% del valore convenzionale, saltuari disordini del transito intestinale.

III CLASSE - si ha alterazione grave della funzione digestiva, con disturbi dolorosi molto frequenti, trattamento medicamentoso continuato e dieta costante; perdita del peso tra il 10 ed il 20% del valore convenzionale, eventuale anemia e presenza di apprezzabili disordini del transito. Apprezzabili le ripercussioni socio-lavorative.

IV CLASSE - alterazioni gravissime della funzione digestiva, con disturbi dolorosi e trattamento medicamentoso continuativo ma non completamente efficace, perdita di peso superiore al 20% del convenzionale, anemia, gravi e costanti disordini del transito intestinale. Significative le limitazioni in ambito socio-lavorativo.
Prof. Pietro Rinella