Utente 450XXX
Buonasera, mi chiamo Antonio e vorrei chiedere un Vs parere, vi espongo brevemente il mio caso. Sono affetto da microcitoma, attualmente in trattamento chemioterapiche, sono diabetetico, ho protesi d.anca Con grave compromissione dell altra. Sono affetto da epatite C e iperteso..in data 21 marzo 2017 sono stato sottoposto a visita medica per l accertamento della invalidita. Mi è stato consegnato il verbale provvisorio che bello testualmente riporta, "la Commissione medica ha espresso valutazione 100% più accompagnamento ma non può trasmetterla telematica ente perché nel certificato medico inviato manca la dichiarazione al punto 3 e4.
CIo detto cosa posso fare per avere l' indennità di accompagnamento, tra l 'altro già ti conosciuta dalla commissione medica.


Devo ripetere la domanda , fare ricorso o altro visto che ha bisogno continuo di essere assistito.
Ringrazio anticipatamente per la attenzione che mi vorrete prestare e poro in sentito grazie e cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
una volta ricevuto il verbale di accertamento definitivo dall'INPS (per quanto è a mia conoscenza, non vengono trasmessi verbali provvisori), dovrà procedere secondo le indicazioni dell'Ente Previdenziale per poter fruire dei benefici economici:
https://www.inps.it/NuovoportaleINPS/default.aspx?itemDir=50254

Ciò è possibile direttamente da parte dell'interessato, se è in possesso del PIN rilasciato dall'INPS, oppure oppure di una identità SPID o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS):
https://www.inps.it/NuovoportaleINPS/default.aspx?iiDServizio=2729

In alternativa, potrà rivolgersi per tale procedura ad un Ente di Patronato.

Tenga presente che, ove la trasmissione telematica ("cassetta postale on line") non fosse possibile, l'INPS spedisce i verbali per raccomandata A/R.

Se il requisito sanitario è stato accertato e confermato dall'INPS, non ha significato riproporre l'istanza e, tanto meno, fare ricorso.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]