Utente 948XXX
Salve
sono una ragazza di 27 anni, disoccupata.
Soffro da anni di mal di schiena zona lombo sacrale con dolori alla gamba sinistra e dalla risonanza mi hanno diagnosticato 4 ernie, 2 discopatie, lordosi zona lombare, lieve scoliosi. Soffro inoltre di asma cronica dalla nascita, riniti frequenti (sono allergica a talmente tante cose che ne soffro tutto l'anno purtroppo) e ho la sinusite cronica.
Sarei idonea per la richiesta? Infatti in qualsiasi posto di lavoro dopo ripetute assenze (per lo piu' dovute alla schiena) mi cacciano puntualmente ovvero non mi prolungano i contratti..
grazie in anticipo
K.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazza,

in attesa che un collega medico-legale Le risponda opportunamente, mi consenta di porLe qualche domanda e fare qualche considerazione.
Non ha mai pensato, consultando uno specialista, di risolvere i Suoi problemi, soprattutto di schiena?
Le Sue patologie, anche in considerazione della Sua giovane età,non credo possano essere considerate invalidanti al punto di godere di un vitalizio.
Una patologia discale trattata o non trattata chirurgicamente può eventualmente far consigliare al datore di lavoro di attribuirLe mansioni meno gravose, ma non certo Lei può pretendere di ottenere il riconoscimento di un grado alto di invalidità civile.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 948XXX

La ringrazio per la Sua risposta, ma forse non mi sono spiegata bene nel formulare la mia domanda.. non intendevo chiedere un vitalizio e la ritengo una cosa offensiva il pensarlo, era solo per avere una sorta di agevolazione a lavoro, visto che la semplice comunicazione del problema al datore di lavoro non risolve in nessun modo la cosa.. anzi vengo spesso derisa nonostante si veda palesemente come sto..
Ho già tentanto diverse soluzioni per risolvere i miei problemi, ma se avessi avuto successo ora non sarei qui. Onestamente preferirei non operarmi, visti i risultati che spesso si ottengono.
Ho dimenticato inoltre di citare una schisi, che ho dalla nascita.
Se l'approccio, che si presuppone sia da medico, è derisorio anche qui solo per la mia "giovane" (che poi non lo è nemmeno troppo quando si soffre di problemi respiratori gravi mai curati a causa di genitori inesistenti) età ritengo inutile l'esistenza di questo portale.. cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile signorina,
nel mio post di risposta non mi pare che ci fosse nulla di derisorio e, forse mi sono espresso male anch'io.
Nel pensare al vitalizio non intendevo dire che Lei pretendesse una pensione a vita senza più lavorare, ma il riconoscimento vitalizio di una certa percentuale di invalidità che potesse darLe delle agevolazioni e priorità per esempio nel trovare una occupazione.
Precisato questo, Lei, una volta documentate le patologie, soprattutto quella lombare,presentando la opportuna certificazione medica può richiedere al datore di lavoro mansioni lavorative non gravose o sedentarie.
Inoltre non ho detto che necessariamente deve essere operata. Non avendo a disposizione nulla di oggettivo, come potrei?
A monte di tutto questo comunque, se Lei soffre di una sintomatologia la cui causa risiede in una patologia discale lombare e questa è suscettibile di trattamento chirurgico, la soluzione non può che essere questa.
Gli interventi si fanno per migliorare un sintomo e non per peggiorarlo.
Inoltre vi sono soluzioni chirurgiche poco invasive con ottimi risultati,ma che hanno una loro precisa indicazione e non sono attuabili per tutte le patologie di questo tipo.
Ogni cosa a questo mondo ha i suoi rischi e quindi anche l'atto chirurgico,ma ciò non vuol dire che bisogna non considerare, in alcuni casi, il rischio del non-intervento.
Spero di esser stato più chiaro.
Rimango disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti e La saluto cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano