L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 116XXX
Gentili medici,
sto seguendo una cura omeopatica prescrittami da un omeopata. I rimedi che prendo sono:
natrum muriaticum 10mk 3 dosi (1° giorno, 10° giorno, 20° giorno)
T.R. 30ch magnum, 2 granuli ogni 7-8 ore per 20 giorni
Thallium Acet. 30ch, 2 granuli ogni 7-8 ore per 20 giorni

Vorrei sapere se posso utilizzare il colluttorio Corsodyl (credo sia alla menta) o se rischio di annullare gli effetti dei rimedi.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
è indicato assumere i medicinali omeopatici lontano da qualunque sapore forte; utilizzi il colluttorio ad almeno un paio d'ore dai farmaci e non ci saranno problemi.
Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#2] dopo  
Utente 116XXX

Ho capito, grazie. Per quanto riguarda il sapore del cibo o del normale dentifricio (alla clorofilla) o del caffè è sufficiente attendere 30 minuti o sempre 2 ore? Inoltre volevo sapere se gli orari (ogni 7-8 ore) sono fiscali: io mi sveglio piuttosto tardi alla mattina, inoltre dopo aver fatto colazione ed essermi lavati i denti devo attendere dell'altro tempo, in genere prendo rimedi verso le 12, poi verso le 19 e poi verso 23. Va bene comunque?
Oggi ad esempio li ho presi alle 15, alle 19 e li prenderò verso l'1.00

[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Si, trenta minuti possono bastare; quando l'assunzione di un medicinale deve essere effettuata ad un orario preciso è il medico stesso ad indicarlo.
Non deve essere fiscale ma...cerchi di rispettare le indicazioni del collega.
Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica