L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente cancellato
Salve, sono una ragazza di 22 anni. A metà settembre mi sono recata da una dottoressa specializzata in medicina naturale e omotossicologia perché soffrivo di addome gonfio e avevo difficoltà a digerire. Mi ha quindi fatto il prelievo e da questo sono risultati alcuni alimenti a cui ho un'intolleranza lieve e alcuni a cui ho un'intolleranza media. E' dal 30 di settembre che non sto mangiando questi alimenti (guardando anche che non siano contenuti nei vari alimenti che compro) e mi sento già molto meglio. La dottoressa mi ha detto che dovrei farlo per circa sei mesi, ma ho sentito che di solito viene fatto per tre mesi. Inoltre vorrei sapere se una volta ogni tanto posso mangiare uno degli alimenti a cui sono intollerante o se rischio di star male. Ho inoltre paura che il mio corpo non sarà più abituato ad assimilare questi cibi e che quindi non potrò mangiarli più.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
è ragionevole - trascorsi tre mesi - cominciare a reintrodurre gli alimenti con gradualità e uno per volta, Se si ripresentano i sintomi è utile sospenderli nuovamente.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.