Utente
Buongiorno,
vi scrivo per avere un consiglio su come comportarmi.
a luglio ho rifatto un'otturazione al molare inferiore che era "scesa".
Il dentista ha scavato abbastanza e ha aggiunto una pasta per riempire il vuoto creato, oltre al sigillo di resina classico. Mi avvertì che avrei sentito male per una-due settimane alla pressione e a contatto con caldo e freddo, rassicurandomi che il problema si sarebbe risolto da solo.
A settembre, sono tornata a farmi vedere in quanto il dolore non voleva saperne di andarsene, anzi, arrivava in maniera del tutto non prevedibile e in momenti in cui i miei denti non stavano facendo nulla.
Il dentista mi ha fatto due radiografie e ha ritenuto che tutto fosse nella norma. Il dente chiude giusto, non è piu alto.
Il dolore è diventato insopportabile, arrivava in maniera "casuale" e andava via dopo qualche minuto o dopo qualche ora cosi come era venuto.
Il dolore parte dall'orecchio, lungo l'osso arriva a sotto i denti, fino alla tonsilla. Sono arrivata al punto di essere svegliata da questo dolore insopportabile nel pieno della notte, e a vivere con un antidolorifico di fianco al letto. Dopo tentativi a Tachipirina (inutile), Oki (inutile), Aulin (inutile), Bentelan (che ha dato qualche miglioramento) ho smesso di rivolgermi al dentista e sono andata dal mio medico di base, che mi ha prescritto tegretol 200 a rilascio modificato, da assumere alla sera.
Con tegretol gli episodi di dolore sono diminuiti nettamente sia per numero che per intensità. Dopo un mese e mezzo di trattamento, non avendo piu dolore, come suggerito, ho interrotto.
Sono 10 giorni che ho interrotto il trattamento, e ci risiamo: il dolore è riniziato. Adesso prende alcune volte anche l'osso nell'area dei molari superiori.
Realizzo che il dolore si scatena con il caldo, principalmente in concomitanza con i pasti. Sta diventando insopportabile di nuovo.
Mi trovo all'estero, posso andare dal medico serenamente anche qui. Ho comunque la mia scatola di tegretol.
Cosa mi consigliate di fare?
Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Maurizio Cozzi

20% attività
0% attualità
8% socialità
()

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008


Gentile paziente.

da quanto da lei descritto,non si può escludere che il dolore presente e intermittente,
nell'area trigeminale,sia una complicanza secondaria dovuta ad una spina irritativa, la cui

origine debba ricercarsi in una possibile pulpite del dente curato,pertanto suggerirei di

rivolgersi al suo dentista,per farsi devitalizzare il dente in questione, con un buon tratta-

mento endontico.

Ritengo che vi siano buone probabilità di una risoluzione del suo caso.


saluti e auguri
Dr. Maurizio Cozzi