Esiti dolori intervento ernia cervicale c6-c7 con siringomielia

Salve, martedì dopo un inferno di tre mesi sono stato sottoposto all'intervento di microdiscectomia anteriore C6-C7 con inserimento di cage tipo cornestone e placca (con quattro viti) Zephyr da un esperto chirurgo spinale. L'intervento si rendeva necessario avendomi riscontrato alcune risonanze magnetiche in flessione del capo una opermotilità in quel punto della colonna che comprimeva ampiamente il midollo e la radice C7. Inoltre subito sotto all'ernia cra C6-7 e C7-D1 vi era una piccola cavità siringomielica da più neurochirurghi considerata collegata all'interruzione di flusso liquoroso. Lo stesso Chiari Institute di New York mi ha suggerito di stabilizzare il segmento e aprire il legamento posteriore longitudinale che nella loro esperienza di molti casi del genere ha portato a notevoli miglioramenti o regressioni totali della siringa dopo l'intervento di ernia.
L'intervento al risveglio mi ha lasciato intatta la voce, i movimenti delle gambe, bracci a e mani (essendo io musicista professionista la cosa era per me la più iportante) subito però mi sono rivegliato con fortissimo dolore inrono alla nuca dapprima sx, poi nei due giorni di ricovero ospedaliero aumentato a tutta la zona cervicale e fino alle spalle. La cosa che più mi preoccupa è che giunto a casa mi è venuto un forte dolore al braccio destro nella zona più esterna legato ad un formicolio e difficoltà/dolore motorio del quarto e quinto dito (anulare e mignolo) della mano destra.
All'ospedale dove mi hanno operato mi hanno parlato dapprima di postumi dovuti alla posizione intraoperatoria ma non riesco a spiegarmi questi blocchi di dolori che mi hanno messo in una condizione di dolore ben più forte di prima dell'intervento e soprattutto la comparsa di deficit alle due dita che per me sono la cosa più grave e inspiegabile.
Potrebbe trattarsi del lieve rialzamento dello spazio C6-C7 per inserire la cage?
Oppure devo pensare (date le salienze lievi notate in tutti i dischi cervicali a partire da c1 nella prima rmn) a una nuova imporvvisa erniazione? O il leggero spostamento della vertebra C7 può avere toccato/danneggiato il nervo c8? Oppure ancora trattasi di cicatrici o ematomi?
il valium prescrittomi come miorilassante non mi dà giovamento sufficiente e ora proverò con dei FANS in dosi più importanti.
Devo ritenere l'intervento a 4 giorni fallito?
L'unico beneficio è sicuramente lo stato delle mie gambe e dei formicolii del braccio sinistro che sono di molto diminuiti essendo proabilente la mielopatia ancora presa in tempo.
Grazie per il vostro aiuto!
[#1]
Dr. Alessandro Rinaldi Neurochirurgo, Neurologo 377 20 7
Gentile signore
Giudicare l'esito di un intervento eseguito a Bologna,credo, e non a Roccacannuccia, dopo soli 4 giorni mi sembra prematuro e velleitario. Tanto più in presenza di una doppia patologia. La siringomielia stessa con una manovra di decompressione potrebbe giustificare una disestesia, caos sensitivo, o una iperalgesia, aumento della percezione della dolore, transitorie da riattivazione. Quindi ci vuole pazienza, cautela e cognizione di causa nella valutazione. Un controllo importante da eseguire prima della prossima visita di controllo potrebbe essere uno studio completo neurofisiologico con Emg e potenziali evocati, insieme alla Rm.
Spero di contribuire a razionalizzare lo stato d'animo.
Cordiali saluti,

Dr. Alessandro  Rinaldi

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Rinaldi,
grazie mille della risposta. Volevo precisare che la decompressione è stata solo relativa all'ernia. La piccola siringomielia appena più sotto C7 non è stata naturalmente toccata. Quello che più di tutto mi preoccupa sono i dolori al braccio destro (in quanto musicista classico professionista) e in particolare al quarto e quinto dito della mano dx particolarmente dopo il riposo a letto a testa in su. Questo non era mai successo di avvertirlo prima e mi chiedo se piuttosto che l'idromielia o la iniziale mielopatia potrebbe essere dovuta ad una mossa che durante l'inserimento della cage o la pulizia di disco e legamento posteriore tra c6 e c7abbia danneggiato il nervo c8.
Grazie mille
Cordialmente

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa