Meningioma e labbra storte

cari dott mi chiamo Viola è un pò che non ci sentiamo
sono stata operata di meningioma nel seno cavernoso di sinistra
nel 2000
Ho avuto tanti probleemi poi alcuni li superati altri sono rimasti come la sofferenza continua di tutti i giorni del nervo del trigemino,il neurologo ha provato di tutto ora stiamo provando con la Lirica a compresse.
Nel 2009 ho avuto il carcinoma mammaria del 3 stadio durante la chemio tutto si è
aggravatosia il dolore alla testa che il trigemino sia bocca che è diventata molto storta.
A maggio smetterò di prendere aromasin per i 5 anni.

Mi chiedo cosa posso fare per migliorare tutta quessta sofferenza?

La cosa che mi mortifica molto è questo viso storto,possibile che persone che ho visto con parentesi facciale poi sono ritornate con il viso normale ed a me non si riesce a trovare una soluzione?

Spero in una vostra risposta.

VIOLA DISPERATA

[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Gent. utente,
forse la via più indicata è quella di rivolgersi ad un neurologo che si occupi prevalentemente di terapia del dolore.
Ciò senza nulla togliere al collega che la sta seguendo: il Lyrica è un buon farmaco per il dolore neuropatico. Naturalmente è importante la entità del dosaggio quotidiano e la eventuale associazione ad altri farmaci sempre indicati per la medesima tipologia di dolore.
Esistono poi approcci alternativi a quello esclusivamente farmacologico. Quello mi-invasivo tipo blocco antalgico dei nervi epicranici e metodologie bio-tecnologiche.
Circa la simmetria della rima orale se questa dipende da una lesione periferica del nervo facciale evidentemente la lesione medesima non è una semplice neuroaprassia (come nella maggior parte delle paresi periferiche del facciale, su fase flogistico virale) ma una lesione anatomica vera e propria.
Ci sono tante altre domande:
-il lato della bocca che si muove poco è dallo stesso lato dell'intervento?
-è residuata anche una dicoltà a chiudere l'occhio dallo stesso lato?
-la asimmetria della rima orale è comparsa subito dopo la asportazione del meningioma?
-in caso negativo quando rispetto agli eventi che racconta?

Cordialmente,
http://www.europeanhospital.it/uos/neurologia_clinica.html
http://trepinilab.it/servizi/specialistica/neurologia/

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Caro Dott
Le chiedo scusa per il ritardo della mia risposta.

SI il lato della della bocca interessata è al lato sinistro esattamente dove ho avuto
l'intervento.

L'occhio si chiude bene ma se guardo di lato ci vede sdoppiato.

la asimetria è comparsa quasi subito dopo l'intervento,poi piano piiano nel tempo
è migliorata ed era poco visibile ma c'era.

Ora facendo la chemio per un carcinoma mammario tutto il quadro clinico per quello
che riguarda la testa è peggiorato.

La sofferenza per il trigemino alcune volte mi fa pensare
cose brutte.

Io la ringrazio per il suo consulto

Un abbraccio
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Rimango a sua disposizione per qualsiasi consultazione/valutazione dovesse necessitare anche per quel che concerne la medicina del dolore.

Cordialità.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott.

Per quanto concerne alla medicina del dolore ,dove posso rivolgermi e cosa potrei fare?

Le devo dire che vivo sola e potrei andare solo in qualche struttura vicino a salerno.

Ma la medicina del dolore è solo farmaceutica?

La ringrazio ,Un abbraccio



[#5]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Gent.le,
no, la medicina o terapia del dolore non è solamente farmacologica.
1)naturalmente ci sono farmaci dedicati allo scopo, di varie classi farmacologiche, la scelta va valutata dopo aver valutato di persona il paziente;
2)ci sono poi approcci di tipo mini-invasivo ovvero blocchi antalgici loco-regionali; sono indicati particolarmente per il dolore cranio-facciale e per quello del rachide;
3)i due approcci possono essere combinati;
4)esistono tecniche bio-tecnologiche.
Naturalmente, e non potrebbe essere altrimenti, la pianificazione del trattamento passa attraverso una preliminare valutazione clinica neurologica del paziente.

Cordialmente,
http://trepinilab.it/servizi/specialistica/neurologia/
http://www.europeanhospital.it/uos/neurologia_clinica.html

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa