Bruciori nel tratto cervicale con mal di testa vertigini

Buona sera

Soffro da diversi mesi di forti dolori, bruciori nel tratto cervicale con mal di testa vertigini, difficoltà di rotazione del capo in particolare a destra. Il dolore si dirada sulla spalla destra con sensazione di spilli e formicolio lungo il braccio gomito mano destra .Ho effettuato delle sedute di tens terapi sul consiglio del fisiatra, dei massaggi decontratturanti pilates strecing e assunto degli antinfiammatori e miorilassanti (Espose Muscoril).

In seguito a tutto questo non ho riscontrato alcun miglioramento quindi sul consiglio del medico di famiglia ho effettuato un rmn colona cervicale base con il seguente esito: E'stato studiato il tratto di rachide dall'occipite a D5 con sezioni assiali e sagittali in T1 T2.
L'esame dimostra normali rapporti della cerniera alto-occipitale.Normale allineamento dei metameri vertebrali.
Non evidenza di lesioni ossee focali .Normale ampiezza del canale spinale.Non evidenti alterazioni del segnale del midollo e delle strutture della fossa cranica posteriore compresi nelle sezioni.
A C3-C4 :ernia discale paramediana destra che impronta lo spazio subaracnoideo spinale anteriore e lambisce anteriormente il midollo.
Modicamente ristretti i forami di coniugazione per apposizioni osteofitarie.
A C5-C6 e C6-C7: protusioni discali che improntano lo spazio liquorale.


Chiedo cortesemente un vostro parere/suggerimento per un eventuale approccio terapeutico.

Ringrazio e saluto.
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
una terapia (medica o chirurgica) si prescrive solo dopo aver accertato la diagnosi e le diagnosi si fanno solamente visitando il paziente.
A distanza quindi si possono fare soltanto ipotesi che possono anche non essere corrette.

Detto questo, i Suoi sintomi potrebbero essere dovuti a quanto si evidenzia alla RM cervicale.
E' verosimile che possa essere necessario un intervento chirurgico e, in questo caso, la scelta del livello da operare dipenderà da un accurato esame clinico.
Ma anche l'indicazione a una terapia medico-conservativa deve scaturire dallo studio degli esami effettuati ed eventualmente da effettuare come approfondimento, ma sempre comunque a seguito della visita medica.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
[#2]
dopo
Utente
Utente
Egr. dottore,

La ringrazio molto per la tempestiva risposta. Nel mio messaggio non ho specificato che sono in attesa della visita specialistica e nel fra tempo il medico curante mi ha prescritto una cura per venti giorni con Deltacortene 25mg ,Espose.
I farmaci che sto prendendo da dieci giorni mi hanno tolto leggermente il dolore che avevo nella rotazione del capo ma ho ancora giramenti di testa fatico ancora a ruotare il capo verso destra,pesantezza della spalla e formicoli lungo la schiena.Certo rispetto a dieci giorni fa quando ero bloccata un leggero miglioramento ce..voglio vederla cosi. qualcosa faranno questi medicinali.
La mia paura e che il miglioramento ce soltanto sotto l'effetto del farmaco e il riposo. ...
Farò la prima visita specialistica sperando di trovare la soluzione migliore al mio problema che si trascina da circa un anno...
La ringrazio tantissimo dottore per la professionalità e cortesia a ma dedicate.

Cordialmente saluto e ringrazio.

[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora (e mi scusi per aver scritto in precedenza "egr. signore")
certamente i farmaci servono a "qualcosa" e sono senz'altro utili, ma il loro effetto terapeutico agisce sul sintomo e non sulla causa.
Se per esempio un'ernia discale irrita e comprime una radice nervosa si avrà dolore, un farmaco può farlo diminuire, ma la causa resta.
Spesso è sufficiente, in altri casi bisogna rimuovere la causa del sintomo.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Egr. dottor Migliaccio,

La prego di perdonare la mia franchezza, lei e il primo specialista con cui ho la possibilità di comunicare riguardo la mia problematica e mi fa immensamente piacere leggere le sue opinioni... Volevo solo aggiungere che concordo pienamente con lei nel "rimuovere la causa del dolore" e il mio obbiettivo e proprio questo.
Inoltre, per finire, le volevo chiedere se il dolore che avevo alle ginocchia in particolare il dx, sia camminando, piegandomi e a volte anche da sdraiata il tutto prima di assumere il cortisone, secondo lei potesse centrare con la problematica.


La saluto e ringrazio infinitamente.
[#5]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Può essere, ma non posso confermarlo a distanza

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio