Glioma di basso grado , virato

salve,

paziente di 67 anni.
a causa di un emispasmo facciale dx dopo vari esami diagnostici quali tac , rm e biopsia stereotassica si è giunti alla diagnosi di glioma a basso grado (del quale si ignorava l'esistenza) , virato. Le dimensioni sono 9 mm localizzato in sede temporale ma è molto vascolarizzato quindi allo "stato attuale inoperabile". DAlla biopsia l'indice KI 67/MIB1 ha evidenziato "nell'area di maggiore pleomorfismo un incremento della frazione di crescita pari a circa il 5%".
Il paziente inizierà a breve radioterapia e chemioterapia e prende farmaci antiepilettici e cortisone.

Vorrei sapere se è verosimile che in seguito a chemioterapia e radioterapia un glioma ormai di alto grado (glioblastoma secodario?) possa ridursi e diventare operabile , oppure se è inutile illudersi anche solo di aumentare la sopravvivenza a qualche anno.
grazie
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Se si tratta di glioblastoma multiforme, l'approccio terapeutico è quello chemio-radioterapico.
Se il rischio non è alto può giovare l'asportazione chirurgica, ma la prognosi purtroppo non supera, in media, i 6 -12 mesi.
Queste mie osservazioni vanno considerate generiche, in assenza di dati clinici diretti e obiettivi.
Maggiori informazioni ovviamente li potrà avere da chi segue il paziente.

Cordialmente

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa