Utente
Buongiorno dottori. Arrivo al dunque perchè la mia storia e troppo lunga. Da 3 anni soffro delle seguenti problematiche. vertigini, cefalee, forte stordimento, sporatici tremori agli arti, senso di sbandamento e mancanza do conentrazione. Aggiungo che questi sintomi vanno a giorni dove sono piu accentuati mentre altri meno. Questo mio malessere ormai dura da 3 anni e non riesco piu a svolgere una vita normale. Spesso quando parlo sbaglio parole o non trovo la parola adatta (causa stordimento). Le vertigini vengono e vanno in continuazione. A volte leggere e durature a volte fortissime quasi dovessi svenire. Le cefalee sono sempre leggere ma spesso si accompagnano piccole parestesie improvvise sul viso. Soffro anche di fascicolazioni sparse per il corpo e alcune volte durante il sonno mi sveglio con un forte tremore interno su tutto il corpo. Vi prego aiutatemi a trovare una soluzione. Ho fatto una visita dal neurologo che non mi ha dato accertamenti perche secondo lei era solo ansia. Visite cardiologiche perfette. Sono andato da in reumatologo che mi ha detto che forse sono fibromialgico ma non essendoci esami strumentali mi ha liquidato dicendomi di tornare quando i sintomi erano piu acuti. Vi prego aiutatemi a trovare una soluzione. Ho fatto anche lastra alla cervicale dove si nota una verticalizzazione della steassa e una risonanza al dorso che evidenzia una leggera protusione. Analisi del sangue e urine perfette. Tutto mi e iniziato 3 anni fa dopo avere avuto la mononucleosi. Attendo speranzoso una vostra risposta.

Grazie davvero
Valerio

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, vedo che il suo questo rimane senza risposta qui nella sezione di Neurochirurgia. E' probabile che il suo caso non sia di pertinenza neurochirurgica: del resto, se la neurologa cui è ricorso lo avesse ritenuto, le avrebbe consigliato di sottoporsi a visita presso un neurochirurgo, visita comunque diretta: a distanza, via rete , è ben difficile poter dare indicazioni.
Eventualmente si rivolga lei stesso ad un neurochirurgo.
Tuttavia noto che i sintomi che la preoccupano sono soprattutto cefalea e vertigini, oltre ad un disturbo nel sonno. Sono sintomi in sé aspecifici, che possono dipendere da vari fattori.
Pertanto, le suggerisco anche di leggere gli articoli che si aprono con i link qui sotto: veda se si riconosce nelle problematiche descritte.
Eventualmente mi faccia sapere.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-la-cefalea-che-viene-dalla-bocca.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-la-vertigine-di-pertinenza-odontoiatrica.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-nel-sonno-e-disfunzioni-cranio-mandibolo-vertebrali.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Egr. signore,
sarà pur vero che la neurologa non Le ha consigliato di consultare un neurochirurgo, ma, correttamente e men che meno un dentista.
I Suoi sintomi presumibilmente possono avera una base ansiosa e comunque vanno inquadrati correttamente eseguendo esami specifici che la neurologa avrebbe dovuto prescriverLe.
A distanza non è possibile indicare quali, in quanto gli esami vanno prescritti a seguito della visita diretta.
Consulti un neurochirurgo e non creda che i sintomi riferiti dipendano da qualche dente fuori posto.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#3] dopo  
Utente
Grazie mille dottore.
Giovedi ho due visite una neurologica e una neuroortopedica. La tengo aggiornato sugli sviluppi. Spero solo che mi prendano sul serio. Spesso i medici tendono a sdrammatizzare la cosa senza approfondire.