Utente 407XXX
Buongiorno dalla Rm é stato riscontrato:
Cervicale.
Abolizione fisiologica lordosi cervicale.
Modesti segni di discopatia degenerativa con lieve riduzione in altezza dei dischi intersomatici che risultano tenuemente ipointensi con fenomeni disidratativi.
Dorsale-Lombo-sacrale
Riduzione fisiologiche cifosi dorsale e lordosi lombare.
Discopatia degenerativa D5-D10 con riduzione in altezza dei dischi intersomatici che risultano ipointensi con fenomeni disidratativi.
Altri dischi esaminati tenue ipointensita' per iniziali fenomeni disidratativi.
Note di artrosi interapofisaria.
A livello D-5-D6 D6-D7 D7-D8 D8-D9 presenti 4 protrusioni discali che determinano effetti compressivi sulla faccia anteriore del sacco durale.
A livello L5-S1 protrusione discale mediana-paramediana bilaterale che determina effetti compressivi sulla faccia anter. Del sacco durale e sulle radici nervose emergenti destra e sinistra.
Ginocchio dx
LCA continuo ma con esiti distrattivi.
Rotula in iperpressione esterna con alterazioni degenerativa della cartilagine femoro rotulea.
Modesta quota di versamento articolare retro-rotuleo.
Ginocchio sx uguale al destro in più risultano esiti distrattivi a carico del legamento collaterale interno.
Ho 31 anni ma sono ormai 15 anni che ho problemi con la schiena e 10 anni con le ginocchia e continuo da diversi anni ad avere dolori alla schiena e alle gambe.
Sono stata operata anche per endometriosi al IV stadio. Cosa devo fare? Potrebbe dipendere da patologie autoimmuni tutto questo?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
ai Suoi molteplici quesiti rispondo ovviamente soltanto per quel che concerne la mia competenza di neurochirurgo. Il reperto della RM che lei ha riportato, ad onta della Sua giovane età, esprime un grado di coinvolgimento che contraddistingue fasi molto più avanzate della vita. Non emergendo nulla che indirizzi verso specifiche terapie di ordine neurochirurgico, sarei piuttosto orientato a suggerirle di consultare un Reumatologo per una valutazione d'insieme delle sue condizioni muscolo-scheletriche.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 407XXX

La ringrazio per aver risposto alla mia domanda.