Lobosciatalgia e intorpidimento gamba

Buongiorno, ho 29 anni, normopeso e svolgo una vita moderatamente attiva.
Sono qui a scrivere poiché da gennaio ho cominciato a fare allenamenti di tipo funzionale in palestra anche con utilizzo di carichi moderati (tipo body pump) con una frequenza di 3/4 volte a settimana.
Già dopo poche settimane dopo gli allenamenti avvertivo un indolenzimento/dolore in zona lombare, soprattutto piegandomi in avanti.
Non ci ho dato molto peso e ho continuato le mie attività.
Circa un mese dopo ho cominciato ad avvertire lungo la coscia dx, lateralmente fino al ginocchio, come un bruciore, delle scosse: ho immaginato potesse trattarsi del nervo sciatico, visto che il dolore alla schiena perdurava pur consentendomi le normali attività.
Passa un altro mese ed arriviamo all'inizio della quarantena per covid-19 e il mio stile di vita cambia molto: passo da fare circa 10000 passi al giorno a essere molto più sedentaria.
Comincio ad allenarmi a casa e dopo pochi giorni comincia un dolore alla zona lombare piuttosto forte con coinvolgimento di tutto il gluteo e la gamba sx (nella destra avevo sempre ancora queste "scosse").
Mi metto a riposo, utilizzo antinfiammatori locali e faccio stretching, e in 10 giorni sto molto meglio.
L'unico strascico è ancora quel dolorino in zona lombosacrale che ormai mi porto dietro da 3 mesi.
Ora anche le scosse alla gamba dx sono sparite, lasciando però il posto da un paio di giorni a una sensazione di intorpidimento che parte dal gluteo e arriva al piede seguendo sembrerebbe proprio il decorso del nervo sciatico.
Naturalmente appena l'emergenza sanitaria finirà sarà mia premura andare a fare una visita (ortopedico?
Fisiatra?) , Ma nel frattempo chiedo: i sintomi possono essere tutti correlati a un danno/infiammazione a livello lombosacrale?
È normale questa sensazione di intorpidimento pur senza dolore ma solo con una leggera sensazione di contrattura del gluteo?

Sono anche piuttosto ipocondriaca e, per quanto cerchi di razionalizzare, ogni tanto mi prende la paura che possa trattarsi di qualcosa di brutto.

Ringrazio chi vorrà gentilmente tranquillizzarmi, nei limiti di un consulto online naturalmente.
[#1]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Direi di stare abbastanza tranquilla perchè, dai disturbi altalenanti che Lei descrive, non dovrebbe assolutamente trattarsi di cosa "seria".
Sarebbe opportuno che si sottoponesse ad una RMN lombare anche per vedere che cosa si riscontra (magari artrosi, disco protruso ad ampio raggio...).
Utile, quindi, una valutazione clinica ambulatoriale dal Neurochirurgo. In funzione dell'obbiettività, della storia dell'evoluzione dei disturbi e della visura delle immagini dell'accertamento consigliato, si potrà dare un consiglio più preciso.
Nel frattempo, ritengo che Le potrebbe essere utile l'indossare un corsetto semirigido durante la stazione eretta e, naturalmente, astenersi dal sollevare pesi, chinarsi...e, in ogni caso, dal praticare attività ginniche che facciano fulcro sulla colonna.
Se ha piacere, dia pure ulteriori notizie.
Cordialità.

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa