Utente
Gentile dottore Le espongo il caso di mio papà per avere un suo prezioso parere.
Mio papà ha 69 anni e un'anamnesi molto complessa: circa 30 anni fa ischemia cerebellare poi risoltasi, venti anni fa circa un infarto e altri problemi cardiovascolari e tre anni fa gli è stato diagnosticato un tumore al polmone diagnosticato molto precocemente e quindi ha effettuato l'intervento per asportare la parte del polmone lesionata.
Da una settimana circa soffre di disturbi alla vista definiti come amaurosi temporanea.
Dopo una visita oculistica che ha dato esito completamente negativo è stato urgentemente indirizzato da un neurologo, che dopo una visita non ha fatto alcuna diagnosi sostenendo che secondo lui non vi sono probemi neurologici.
Mio padre ha comunque deciso di effettuare una Tac (privatamente)che dovrebbe fare nei prossimi giorni, dopo l'esito degli esami del sangue effettuati ieri.
Sono notti che non dormo pensando al peggio.
Cosa mi può dire?
Ovviamente la preoccupazione più grande è che possa essere un tumore al cervello oppure un'ischemia.
Grazie della cortese attenzione e spero in una sua pronta risposta.

[#1]  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
4% attualità
16% socialità
NARDO' (LE)
GAGLIANO DEL CAPO (LE)
MARTANO (LE)
CORSANO (LE)
FALERNA (CZ)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buongiorno, le rispondo io anche se ha postato la richiesta in neurologia. Se la visita oculistica è negativa e possibile che questi disturbi dipendano da alterazioni circolatorie nel distretto cerebrale. Non ha detto quanto tempo durano questi episodi. Controlli la pressione del sangue e semmai esegua un ecodoppler dei vasi epiaortici per valutare l'entità del flusso sanguigno all'encefalo. Ci faccia sapere, cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Responsabile Day Service Chirurgico - PTA di Gagliano del Capo (LE)
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2]  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
4% attualità
16% socialità
NARDO' (LE)
GAGLIANO DEL CAPO (LE)
MARTANO (LE)
CORSANO (LE)
FALERNA (CZ)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Se comunque desidera il parere di un collega neurologo, le consiglio di ripostare il quesito in area di neurologia poichè avendo risposto io è possibile che i colleghi neurologi non vedano la sua richiesta.
cordialità
Dr. Enrico Rotondo
Responsabile Day Service Chirurgico - PTA di Gagliano del Capo (LE)
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

quindi la visita neurologica mi pare che abbia dato esito negativo. La TC cranio l'ha consigliata il neurologo?
Mi faccia sapere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille per la cortese e celere risposta.

Risposta per il dott.Rotondo:gli episodi prima erano sporadici e si verificavano soprattutto durante la lettura (tipo sparizione di alcune lettere dal testo) adesso è un disturbo costante con tipo dei lampi e un annebbiamento guardando lateralmente.
Seguiremo i suoi consigli ma nel caso fosse un problema di circolazione esiste una soluzione?

Risposta per il dott. Ferraloro: la TC non l'ha consigliata il neurologo.
Il neurologo del pronto soccorso ha semplicemente stilato un referto negativo non riscontrando problemi dopo avere effettuato una visita di routine, non ha però fornito alcuna indicazione per la risoluzione del disturbo rimandando al curante.
Purtroppo essendo un periodo di ferie non siamo riusciti a contattare il responsabile del reparto di neurologia dell'ospadale e sempre per lo stesso motivo l'oculista e il neurologo che hanno entrambi visitato mio papà non sono riusciti a parlarsi.
Mio papà ha così autonomamente deciso di fare una TC.

Grazie ancora, cordiali saluti

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

forse sarebbe stato meglio effettuare una RM encefalica con Angio-RM, se siete ancora in grado di sostituire l'esame sarebbe opportuno farlo. Se non si potesse fare o se i tempi fossero troppo lunghi, va bene la TC ed in base all'esito si valuta poi come procedere.
In ogni caso dovrebbe fare seguire suo padre da un neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Grazie davvero molto gentile.
Tra poco andremo a ritirare l'esito degli esami del sangue e poi ci recheremo a prenotare l'esame più opportuno presso un centro privato.
Proporrò sicuramente il suo suggerimento al medico.
Ma ha qualche sospetto?

Cordialità

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

senza la visita diretta non è possibile sospettare nulla in particolare. Statisticamente l'evenienza più frequente è quella vascolare (solo statisticamente però).
Mi tenga aggiornato, se vuole.

Inviando i migliori auguri per papà La saluto cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore, ricorro ancora alla sua gentile consulenza.

La Tac ha dato esito sostanzialmente negativo segnalando solo il danno pregresso dovuto all'ischemia cerebrale di parecchi anni fa.
Su prescrizione del neurologo, mio padre ha effettuato i potenziali evocati visivi.
Abbiamo ritirato stamattina l'esito dei PEV e, pur essendo incompetente, l'esito mi sembra preoccupante
Le riporto i risultati per avere un Suo prezioso parere:

"Pattern chek size 60-30-15:
nessuna risposta a sx, potenziale di ampiezza ridotta e latenza aumentata a dx.
Flash luminoso: risposta presente solo a dx.

Conclusioni: non si evoca un potenziale visivo sia con stimolo strutturato sia con stimolo non strutturato a sinistra.
A destra potenziale di ampiezza ridotto e latenza aumentata."

Confido in una sua rapida risposta.
Cordialmente

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dovrebbe fare visionare l'esame al Suo neurologo per avere un parere attendibile. Secondo me si dovrebbero approfondire le indagini mediante una RM encefalica con mezzo di contrasto ed Angio-RM.
Dall'esame si evince che le vie ottiche di sx non risultano funzionanti, a dx ci sono dei problemi.
Ne parli al Suo neurologo per cercare di capirne la causa.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Domani mattina abbiamo appuntamento dal neurologo, ma l'attesa è estenuante e volevo iniziare a capire qualcosa.
La RM non si può fare perchè mio padre ha degli stend nelle coronarie.
Mi devo preoccupare?Ho visto che questi tipi di sintomi sono collegati alla sclerosi multipla...

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

oltre la SM anche altre patologie possono provocare queste alterazioni dei nervi ottici. Aspetti la visita neurologica e veda cosa Le consiglia il neurologo.
Potrebbe anche rivolgersi a centri neurologici specializzati come il Carlo Besta di Milano.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Ma c'è qualche patologia non grave o con possibilità di gurigione?

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non sapendo di cosa possa trattarsi non è possibile rispondere a questa domanda. Comunque capisco benissimo la Sua preoccupazione.

Un grosso in bocca al lupo
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
Buongiorno.
Alla fine il neurologo ha diagnosticato un ictus cerebrale che ha colpito il nervo ottico.
Dice che forse c'è qualche possibilità di recupero.
pensavo di portare mio papà al centro che mi ha consigliato lei può essere utile o non ci sono cure da fare?
Grazie

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un parere presso un centro specializzato, a mio parere, è opportuno, anche per potere approfondire un pò di più il caso. Personalmente lo consiglierei.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro