Scosse elettriche nella zona trocanterica

Grazie Dottore vorrei un Suo pareresu di un parere che mi stà assillando non poco.
E' ormai dal mese di aprile che ho incominciato ad avvertite nella zona trocanterica dx delle scosse elettriche che all'inizio erano lievi ma frequenti e dopo tre giorni sono diventate più forti ma più diradate durante la giornmicrocalcificazioni in adiacenza dei due angoli acetabolari".
ata. Tutto ciò è durato un 4-5 giorni e poi tutti questi sintomi/sensazioni sono scomparse lasciandomi un dolore per fortuna non forte ma continuo nella zona suddetta. Ho effettuato una cura con cortisonici ed antinfiammatori durata un mese, ho effettuato un'ecografia con la seguente diagnosi:si segnala una sottile distensione fluida della borsa peritrocanterica. La cura precedentemente detta seppure forte non ha avuto effetto, ho così effettuto la radiografia con la seguente diagnosi:microcalcificazioni in adiacenza dei due angoli acetabolari"e preso per 15 giorni alterni un altro antinfiammatorio ma niente continuo ad avere continuamente questo fastidio alla gamba che non mi permette più di correre, ma per fortuna mi permette di continuare le varie attività quotidiane.
La settima na scorsa ho ritirato il referto della RMN al bacino: " non evidenti alterazioni morfostrutturali o di segnale in sede polare cefalica femorale, bilateralmete. Immagine microcistica sottocapitata al profilo laterale della testa femorale di dx da herniation pit. Come reperti collarerali si segnalano formazioni microcistiche in sede annessiale bilaterale e cisti radicolare sacrale a dx"
Il medico che mi ha in cura ha detto che dal punto di vista ortopedico non c'è nulla. Ma continuo ad avere delle sensazioni di punture, sempre nella zona trocanterica dx. Io ho sempre pensato che fosse un problema di neuropatia, ho insistito con il medico di famiglia affinchè mi prescrivesse un'elettromiografia, ma alla fine dietro mia insistenza mi ha prescritto una RMN questa volta di tutta la colonna che farò ad ottobre.
Non sò più cosa fare, Lei cosa pensa?
Grazie infinite per il Suo servizio.



Grazie ancora per il suo interessamento e spero che ciò sia solo un'infiammazione che passerà con il tempo (anche se sono già 3 mesi).
Cordiai saluti.

[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,

se sono state escluse problematiche ortopediche, Le consiglierei di rivolgersi ad un neurologo.
Un'ipotesi possibile (ma sempre di ipotesi si tratta) potrebbe essere quella della meralgia parestesica che in ogni caso deve essere valutata dal neurologo. Concordo per la RM della colonna vertebrale.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test