Utente
Buongiorno,
sono un uomo di 64 anni. Ho da tempo (7 mesi) un formicolio e la sensazione sotto la pianta dei piedi come di avere continuamente la sabbia dentro alle scarpe. Inoltre un senso di fasciatura stretta sul collo del piede e minor sensibilità nella parte della gamba tra il ginocchio e la caviglia . Più recentemente ( da circa 1 mese) questi fenomeni sono aumentati e in aggiunta faccio maggiore difficoltà a camminare poichè avverto rigidità e stanchezza sempre nella parte del polpaccio ( L'effetto è tipo quello post sforzo dopo una lunga camminata in montagna senza il dovuto allenamento).
Contemporaneamente in questo ultimo mese avverto anche dolore al ginocchio sinistro soprattutto quando salgo e scendo le scale.(Il tutto è più accentuato nella gamba sinistra che destra).
Sono stati eseguiti i seguenti accertamenti : eco doppler arti inferiori, radiografia piede sinistro (in quanto un mese fa era gonfiato in maniera spropositata ma non si è risaliti alla causa, in ogni caso ora il piede si sgonfiato dopo terapia antibiotica e eparina), RM lombo-sacrale, analisi del sangue, ecografia addominale, RM cervello e tronco encefalico. Tutto risulta nella norma.
A questo punto scrivo a Voi per avere un idea in più su quale possa essere la causa di questo mio malessere dal momento che nulla è emerso. Dal medico di famiglia mi è stata consigliata una visita neurologica, fisiatrica e esami auto-immunitari.
Attendo un Vostro cortese cenno di risposta.
Ringrazio e porgo i miei saluti.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la visita neurologica mi sembra necessaria, anzi ritengo che avrebbe dovuto farla prima.
Un altro esame che potrebbe essere particolarmente utile è l'EMG agli arti inferiori, ne parli col neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
La ringrazio molto per la risposta.
Ho prenotato la visita neurologica.
e cosa ne penserebbe Lei anche di un neurochirurgo?
Non riesco a capire quale possa essere la causa di tutto questo...
Come Le ho scritto in prcedenza gli esami sostenuti sono risultati negativi.
Potrebbe trattarsi di qualche infezione secondo lei? Tipo mielite...
Purtroppo in questi ultimi 4 giorni sento le gambe sempre più affaticate e l'intorpidimento è aumentato.
Il mio medico di famiglia mi ha prescritto "Lirica" per tentare di alleviare il tutto ma proprio in corrispondenza dell'assunzione di quest'ultimo medicinale mi sembra che i sintomi aumentino. L'ho quindi sospesa ieri.
La ringrazio nuovamente e attendo un cortese riscontro.
Saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una consulenza neurochirurgica al momento non la ritengo idonea. La prima valutazione dovrebbe essere neurologica, poi, se lo specialista dovesse riconoscere una competenza neurochirurgica del problema, La consiglierà in tal senso.
Anche un'eventuale RM del midollo spinale potrebbe essere utile ma, in base ai riscontri della visita, sarà il neurologo a prescriverla, se la riterrà opportuna.
On line, per il Suo problema non è possibile avanzare nessuna ipotesi.
Mi faccia sapere l'esito della visita neurologica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
Ho eseguito la visita neurologica e dopo un elettromiografia mi hanno diagnosticato una polineuropatia periferica infiammatoria cronica demienilizzante.
Non si è scoperta però la causa...
Come si può far fronte a questa malattia? Cercare di neutralizzare la causa? Ma se non si sa qual'è? Come si può scoprire?
Quali terapie ci sono per curarla?
Mi scusi per le molte domande ma sono molto molto preoccupato...
Attendo una Sua cortese risposta in merito.
Porgi i miei saluti..

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la causa di questa malattia è sconosciuta. E' stato ipotizzato e in parte dimostrato che ci sia un problema di tipo immunologico.
Le terapie oggi si basano sulla somministrazione di Immunoglobuline, cortisone ed altri farmaci che di volta in volta hanno dimostrato benefici su singoli pazienti.
Ritengo che sia seguito presso un centro specializzato per le neuropatie periferiche.

Un grosso in bocca al lupo
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Buonasera, potrebbe magari indirizzarmi verso qualche centro specializzato in neuropatie periferiche nel nord italia?
Ringrazio... e crepi il lupo!

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

strutture di eccellenza sono, tanto per citarne due ma ne esisteranno certamente altre di pari valore, l'Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano e l'Istituto Mondino di Pavia. Comunque si faccia anche consigliare da altri colleghi della Sua zona e dal Suo medico curante.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro