Disturbo neurologico?

Mi chiamo David e ho 21 anni,
mi rivolgo a lei in quanto da una quarantina di giorni accuso strani sintomi e vorrei vederci più chiaro.
durante un week ho iniziato ad accusare strani sintomi di tipo deambulatorio (sensazione di camminare su una barca, squilibrio, senso di sbandamento ma anche senza sbandare realmente, come se le mie gambe camminassero da sole o qualcuno mi spingesse leggermente in avanti), confusione generale, sensazione di estraneità a quello che stavo facendo e soprattutto stanchezza, nessun problema però rilevato alla vista.
una volta tornato a casa i sintomi sono peggiorati sino a comparire durante l'arco della giornata delle vere e proprie crisi con assestanti dolori e tremolii alle gambe, gambe pesantissime, tachicardia, tremolio forte alle mani e sensazione di smarrimento ( o di vivere in un sogno). queste crisi potevano durare anche diverse ore fino a che, quando si portavano a termine, entravo in uno stato semi-euforico dove mi sembrava di stare meglio.
tutto questo è perdurato per una due settimane circa fino a quando non sono partito per un viaggio di due settimane.
anche qui i sintomi delle gambe affaticate e del senso di smarrimento non era o cessati. in più però mi è sembrato di avere dei deficit cognitivi legati alla memoria( sensazione che delle cose successe da qualche ora siano successe tanto tempo prima).
per fortuna le crisi sono diminuite ( ne ho avute solo due o tre).
una volta tornato ( da due settimane a questa parte) accuso in maniera minore problemi di deambulazione ( direi forse praticamente spariti ) e ho riscontrato per alcuni giorni scostanti fascicolazioni soprattutto alla gamba dx e in minor frequenza in altre aree del corpo, maggiormente quando sono seduto o coricato.
Ho effettuato tutte le analisi del sangue convenzionali + analisi approfondite ( mi sono state escluse Epatite + HIV ).
ho effettuato un elettrocardiogramma ed è tutto nella norma.
ho quindi effettuato MRN all'encefalo con e senza liquido di contrasto ed è negativa.
alla luce di questi esami mi è stato detto di rimanere tranquillo per quanto concerne una patologia autoimmune ( es. SM ) in quanto è assolutamente esclusa.
ora praticamente tutti i sintomi di disturbi deambulatori e deficit legati alla memoria sono scomparsi da circa una settimana, l’unica cosa che continua è un senso di stanchezza alle gambe e talvolta sento anche del dolore ai muscoli o ai nervi e come piccole scosse in diverse aree di entrambe le gambe e piccoli irrigidimenti temporanei.
Quanto mi sveglio alla mattina mi sembra di non accusare niente, il momento che mi metto in moto questi arrivano e restano per tutto l’arco della giornata.
È come se avessi le gambe stanche e spossate, e insicure e sento dolori improvvisi più fastidiosi che altro, che si protraggono dai piedi a volte fino alla zona lombare.
-secondo lei è davvero possibile escludere una potenziale SM?
-a cosa potrebbero combaciare questi sintomi?
grazie per una sua gentile risposta

[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile utente,

con la RM encefalica negativa può escludere la SM. A cosa siano dovuti gli attuali sintomi non è possibile stabilirlo a distanza e senza una visita diretta.
Non escluderei nemmeno un problema di tipo psicosomatico.
Potrebbe indagare, se il Suo medico curante concorda, anche a livello lombare.
Opportuna mi sembra pure una visita neurologica.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

In anzitutto grazie della sua risposta.
Lei escluderebbe dunque una SM in quanto la RMN negativa associata al quadro sintomatico non da da pensare a questa malattia? insomma i sintomi non sono quelli?
Inoltre per investigazione lombare intende comunque una RMN lombo-sacrale?
Purtroppo facendo alcune ricerche su internet ho scoperto che fascicolazioni e dolori improvvisi agli arti sono anche sintomi della SLA. perlopiù peró si parla di esordio ad un solo arto ( mentre io presento problemi ad entrambe le gambe ) e fibrillazioni, quest'ultime peró non capisco di cosa si trattano.
Lei che ne pensa? di norma i sintomi di questa malattia sono persistenti o possono andare e venire?
ad ogni modo prenderó un appuntamento con un neurologo.
mi scuso per la forse eccessiva scarica di domande e nel frattempo la ringrazio!
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

se Lei va alla ricerca in Rete di autodiagnosi impazzisce. E' una pratica da sconsigliare! Non ha nemmeno l'età tipica per la SLA (media d'insorgenza 58 anni).
Circa l'esame per indagare la colonna lombare è corretto che sia il Suo medico a decidere.
Stia tranquillo.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

lei ha ragione, indubbiamente.
seguiró il suo consiglio e la ringrazio per avermi tranquillizzato ulteriormente circa la SM.

Cordiali saluti
[#5]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

Ho seguito il suo consiglio e ho effettuato una visita da un neurologo.
la visita neurologica non ha evidenziato nessun disturbo.
secondo il neurologo non c'è motivo per pensare ad una SM, ma nonostante questo mi è stata prescritta una RMN  cervicale anche per tranquillizzarmi circa i dolori che avverto di tanto in tanto alle gambe ( che negli ultimi giorni si stanno facendo più marcati).
Lei concorda con l'iniziativa del neurologo circa la RMN cervicale?
il neurologo per ora non considera necessario indagare ulteriormente attraverso altri esami sino al referto della MRN.
per ora mi è stato prescritto ( per diminuire lo stato d'ansia ) Xanax 0.5 mg, fino a 2 mg al giorno.
vorrei chiederle se ritiene corretto l'utilizzo di questo farmaco? oltretutto per degli effetti è necessario aspettare diversi giorni o essi sono immediati? purtroppo nelle avvertenze del medicamento non si evince se esso debba essere somministrato prima o dopo i pasti, lei saprebbe indicarmelo?


Grazie e Cordiali Saluti
[#6]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

concordo con la prescrizione della RM cervicale.
Per quanto riguarda lo xanax gli effetti sono rapidi, spesso dalla prime assunzioni.
Il farmaco può essere somministrato indipendentemente dai pasti.
Non Le è stato prescritto un dosaggio preciso?

Cordialità
[#7]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

Mi sono state prescritte al massimo 4 pastiglie da 0.5 mg al giorno.
Il neurologo tuttavia mi ha consigliato di non arrivare a questa dose ma di incominciare con un dosiaggio meno elevato.
[#8]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

ok, probabilemnete non occorre arrivare a quattro cpr al giorno. In ogni caso è conveniente assumerlo per un tempo limitato (alcune settimane) ma ne parli sempre col neurologo quando dovrà gradualmente sospenderlo.

Cordiali saluti
[#9]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

La ringrazio per la su gentilezza e la sua consulenza.
Vi faró sapere l'andamento della terapia con Xanax.


Grazie ancora
[#10]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

le riporto quanto è accaduto nelle ultime due settimane.

Ho interrotto da una settimana l’assunzione di Xanax ( su mia decisione ) in quanto i sintomi da lunedi scorso si sono attenuati.
Inoltre l’assunzione del farmaco ( del quale ho sempre assunto al max. 0.5 mg al giorno ) mi provocava strani stati di distacco dalla realtà che non gradivo molto.
Ho effettuato ieri RMN cervicale ( senza liquido di contrasto ) risultata NEGATIVA. Il medico che mi ha comunicato il referto mi ha di nuovo assicurato che non ho la SM e non è il caso di indagare nemmeno a livello lombare.

Purtroppo durante la settimana ho avuto due episodi di attacco di panico risolti poi nel giro di alcune ore ognuno.

In quanto anche la RMN cervicale risulta negativa e i sintomi sembrano essere diminuiti, come dovrei muovermi ora secondo Lei? Calcolando anche l’avvenimento dei due attacchi di panico? Inoltre è d’accordo con il medico circa la RMN lombare?

Grazie per la sua gentile consulenza.
[#11]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

concordo col collega per quanto riguarda la RM lombare.
Come proseguire l'iter diagnostico? Considerato che si sono manifestati i due attacchi di panico che riferisce, sarebbe opportuno effettuare una visita psichiatrica per avere una diagnosi corretta ed un'eventuale adeguata terapia.

Cordialmente
[#12]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

torno a scrivere dopo tre settimane dal mio ultimo messaggio.
sono stato nuovamente dal neurologo in quanto i fastidi alle gambe e braccia e le fascicolazioni non sono ancora scomparsi.
Ho scelto di ricevere anche un suo parere in quanto tutto il mio quadro clinico è stato affrontato dall’inizio in un'altra lingua (che non è la mia lingua madre ) in quanto mi trovo all’estero e purtroppo non sono padrone del tutto del tedesco oltretutto non avendo ricevuto una risposta completa dal mio neurologo ( che mi ha consigliato di attendere e ritornare tra un mese ) vorrei provare a chiedere a Lei.

Gli attacchi di panico sono spariti, come anche la paura di avere una malattia grave come la SM o la SLA, di conseguenza ho preferito non prendere nessun contatto con uno specialista in psichiatria.

Ancora, durante tutto l’arco della giornata si presentano lungo gambe, braccia, mani, piedi e tratto cervicale delle specie di fitte fastidiose interne.
Purtroppo non riesco a capire se sono coinvolti i nervi, muscoli o articolazioni in quanto queste fitte non sono pressoché dolorose ma molto fastidiose e non sono sempre di uguale intensità e durata.
È come se la zona interessata venisse stirata sottopelle o delle volte, ancora più fastidioso, sento delle fitte vere e proprie, come se tutta l'intera zona pulsasse.
Normalmente permangono sempre in un punto, e non avvengono in altri punti simultaneamente. ( per esempio se è dietro alla spalla, il resto del corpo è normale) anche fino ad alcune decine di minuti ed è come se sentissi questa zona assente dal resto del corpo e maggiormente eccitata e costantemente in tensione, dopodichè scompaiono e riappaiono in un altra zona del corpo.
Oltre a tutto questo, che ormai permane da due mesi ( ma non dall’esordio) ci sono anche le fascicolazioni ( solo gambe e braccia ) che avvengono almeno una o due volte all’ora, soprattutto gamba dx e braccia.
Gli arti che sembrano più coinvolti sono la gamba dx e il braccio dx, secondariamente la gamba sx. il braccio sx non sembrerebbe praticamente coinvolto in nulla di tutto questo.
purtroppo so che la mia spiegazione non è molto esaustiva e io stesso non riesco a spiegare quello che sento, è molto difficile anche per me capire quale parte sottopelle è presa di mira.

Le sarei molto grato se riuscisse a darmi una risposta riguardo a cosa potrebbe essere, ormai sono tre mesi che sono in ballo con questa cosa e voglio chiudere il capitolo una volta per tutte.


Grazie e cordiali Saluti
[#13]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

è impossibile stabilire on line la natura del Suo problema.
Il neurologo cosa Le ha detto nell'ultima visita? In questo periodo sta assumendo farmaci?

Buon ferragosto
[#14]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

Il neurologo mi ha consigliato di attendere un mese e prendere del magnesio quotidianamente.
Trascorso un mese, nel caso i sintomi non siano spariti, probabilmente sarà il caso di effettuare una EMG.

Non sto assumendo farmaci durante questo periodo.

Io capisco la sua risposta, il fatto è che non riesco a ricondurre questi fastidi nemmeno a nessun sintomo discutibile o leggibile online, e la cosa mi lascia un po’ perplesso.

[#15]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

concordo perfettamente con quanto Le ha detto il neurologo, infatti Le avrei consigliato l'EMG anch'io dopo la Sua risposta.
Pertanto segua le indicazioni del neurologo e stia sereno.

Cordiali saluti
[#16]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

siccome non avrò la possibilità di vedere in neurologo per almeno un mese, avrei delle domande da farle circa la presenza di questi sintomi e il collegamento che potrebbero avere con alcune patologie.
So che probabilmente sono molto ipocondriaco e ansioso ma questi sintomi sono fastidiosi e non mi fanno vivere bene per cui vorrei chiederle le seguenti cose :

-Nel caso di un esordio di SLA ( in questo caso giovanile in quanto ho 21 anni ) questi sintomi che ho riportato sono plausibili?
-In una finestra di tempo di ormai due mesi circa dalla comparsa dei sintomi e delle fascicolazioni, se si trattasse di questa malattia, sarebbero già comparsi altri segni evidenti? Anche durante la visita neurologica effettuatami un mese fa?
-È vero che come si legge in internet, la comparsa delle fascicolazioni avviene in una fase già avanzata della malattia? E soprattutto a riposo?
-Nel caso dovesse trattarsi della sindrome delle fascicolazioni benigne, è possibile che vi siano anche gli altri sintomi che percepisco agli arti in questa patologia?


Mi deve scusare se ritorno su questo punto, ma ieri il neurologo parlando di SLA non mi ha detto che è sia esclusa, ma molto improbabile nel mio caso.
Le sarei molto grato se potesse rispondere a tutte le mie domande.

La ringrazio molto in anticipo
[#17]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

<<Nel caso di un esordio di SLA ( in questo caso giovanile in quanto ho 21 anni ) questi sintomi che ho riportato sono plausibili?>> SLA rarissima a questa età e con sintomatologia poco probabile.

<<In una finestra di tempo di ormai due mesi circa dalla comparsa dei sintomi e delle fascicolazioni, se si trattasse di questa malattia, sarebbero già comparsi altri segni evidenti? Anche durante la visita neurologica effettuatami un mese fa?>> non necessariamente ma alla visita neurologica qualche alterazione si riscontra quasi sempre.

<<-È vero che come si legge in internet, la comparsa delle fascicolazioni avviene in una fase già avanzata della malattia? E soprattutto a riposo?>> generalmente sì.

<<Nel caso dovesse trattarsi della sindrome delle fascicolazioni benigne, è possibile che vi siano anche gli altri sintomi che percepisco agli arti in questa patologia?>> generalmente no.

<<Gli attacchi di panico sono spariti, come anche la paura di avere una malattia grave come la SM o la SLA>> non si direbbe che la paura sia sparita, anzi in base alle domande formulate......

Cordialmente





[#18]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

lei ha ragione, purtroppo però non so bene come muovermi ora visto che devo attendere un mese per la prossima visita neurologica.
sinceramente non ho veramente il sospetto che si tratti di questa malattia in quanto in primis rarissima a questa età come dice lei, e secondariamente i sintomi riportati ( oltre alle fascicolazioni costanti ) non mi sembrano così riconducibili.
solamente il Neurologo mi ha messo un po' in ansia non trovando una risposta ai miei problemi, oltretutto parlandomi di EMG ho subito ricondotto la diagnosi verso quella direzione.
posso chiederle oltretutto cosa mi consiglierebbe Lei di fare ora?
[#19]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

Le consiglio di stere tranquillo e di seguire le indicazioni del neurologo, terapia con magnesio e EMG tra un mese circa.

Cordialità

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa